Carceri: Adriano Sofri esperto Stati generali. Polizia "E Riina?"

(AGI) - Roma, 23 giu. - Adriano Sofri e' uno tra gli espertichiamati dal ministero della Giustizia per gli Stati generalidelle carceri. Contro la decisione si schiera il segretariogenerale del Sindacato autonomo Polizia penitenziaria Sappe,Donato Capece: "Meno male che ci hanno risparmiato Toto' Riina,che magari avrebbe potuto parlare di una revisione del regimepenitenziario duro del 41bis - commenta ironico e aggiunge - e' inaccettabile e inammissibile la decisione del ministroOrlando di nominare Sofri. Insieme a giuristi e magistratiqualificati non mancano gli poi ex parlamentari evidentementeda ricollocare", mentre "spicca l'assenza di poliziotti

(AGI) - Roma, 23 giu. - Adriano Sofri e' uno tra gli espertichiamati dal ministero della Giustizia per gli Stati generalidelle carceri. Contro la decisione si schiera il segretariogenerale del Sindacato autonomo Polizia penitenziaria Sappe,Donato Capece: "Meno male che ci hanno risparmiato Toto' Riina,che magari avrebbe potuto parlare di una revisione del regimepenitenziario duro del 41bis - commenta ironico e aggiunge - e' inaccettabile e inammissibile la decisione del ministroOrlando di nominare Sofri. Insieme a giuristi e magistratiqualificati non mancano gli poi ex parlamentari evidentementeda ricollocare", mentre "spicca l'assenza di poliziottipenitenziari tra i coordinatori dei gruppi di lavoro". Il Sappeauspica "che il Capo dello Stato intervenga su quella che e'una scelta inopportuna e inadatta". La questione diventa subitomotivo di interrogazione parlamentare di Forza Italia. "Horivolto una interrogazione urgente al ministro della GiustiziaOrlando - riferisce in una nota Maurizio Gasparri - peresprimere sconcerto per la nomina di Adriano Sofri a consulentedel suo ministero per la riforma del sistema penitenziario. Persapere perche', se il presupposto di questa consulenza e'l'esperienza da detenuto a causa della condanna per l'omicidiodel commissario Calabresi, non siano stati assoldati anchealtri condannati per omicidio come Sofri". Maurizio Gasparriscrive poi: "Al ministero della Giustizia pensano di costituireuna consulta di assassini per avvalersi della loro esperienzacriminale? Orlando non ritiene offensiva per tutto il personaleche gestisce gli istituti penitenziari questa scelta? Unadecisione che mortifica tutti i cittadini, che certo nonpossono apprezzare la trasformazione del capo di unaorganizzazione coinvolta in uno dei piu' drammatici omicididella storia italiana, in un alto consulente del Governo.Questa decisione deve essere rivista - sottolinea Gasparri -perche' offende il sentimento di giustizia, stravolge valoricondivisi, trasforma l'assassino in un modello a cui ispirarsi.Sofri alla guida di questa struttura rappresenta una nuovaoffesa agli onesti. Contro questa decisione sara' necessariopromuovere assemblee del personale all'interno delle carceri.Siamo di fronte a una decisione vergognosa e ancora una voltatesa a privilegiare gli assassini rispetto alle vittime. Credoche anche il presidente della Repubblica e il presidente delConsiglio dovrebbero chiedere a Orlando di cancellare unadecisione aberrante e diseducativa. Ancora una volta vinceCaino e si calpesta Abele", conclude Gasparri. Sulla questioneinterviene anche Michaela Biancofiore: "Un insulto allagiustizia, al senso di legalita', alle forze dell'ordine.L'ennesima follia della quale e' vittima l'Italia per mano dichi ci governa", attacca la parlamentare di FI. "Adriano Sofri,condannato a 22 di carcere, sara' consulente per la riformadella carceri con tanto di pagamento di trasferte e gettoni dipresenza - spiega Biancofiore - questo mentre gli italiani perbene muiono di fame, di stenti e sono senza lavoro. Non c'e'speranza per la mia povera Italia se questi sono gliinsegnamenti da parte delle istituzioni e non ci si puo'meravigliare, ma solo indignare insieme a quei tanti italianiche scelgono di non credere piu' nella politica che dovrebbeprima di tutto essere etica". .

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it