Capitano de Falco del "torni a bordo" a Schettino trasferito in ufficio

(AGI) - Roma, 25 set. - Il capitano Gregorio de Falco chegesti' da terra l'emergenza Concordia e pronuncio' il famoso"torni a bordo" a Francesco Schettinoe' e' stato trasferito inufficio. De Falco e' stato informato ieri che dovra' lasciareil settore operativo della Capitaneria di Livorno per assumereun incaro diverso, probabilmente negli uffici amministrativi. "Il ministero dei Trasporti chiarisca la vicenda dellarimozione del comandante Gregorio De Falco dal settoreoperativo della Capitaneria di Livorno e il suo trasferimentoad un ufficio amministrativo. Nel pieno del processo sulnaufragio della Costa Concordia, e' opportuno chiarire se ci

(AGI) - Roma, 25 set. - Il capitano Gregorio de Falco chegesti' da terra l'emergenza Concordia e pronuncio' il famoso"torni a bordo" a Francesco Schettinoe' e' stato trasferito inufficio. De Falco e' stato informato ieri che dovra' lasciareil settore operativo della Capitaneria di Livorno per assumereun incaro diverso, probabilmente negli uffici amministrativi. "Il ministero dei Trasporti chiarisca la vicenda dellarimozione del comandante Gregorio De Falco dal settoreoperativo della Capitaneria di Livorno e il suo trasferimentoad un ufficio amministrativo. Nel pieno del processo sulnaufragio della Costa Concordia, e' opportuno chiarire se cisiano motivazioni particolari dietro questa scelta". E' quantodichiara il deputato del Partito democratico Federico Gelli,annunciando la presentazione di un'interrogazione al ministroMaurizio Lupi. "De Falco ha gestito in prima persona - spiega Gelli -nella notte tra il 13 e il 14 gennaio le fasi cruciali deisoccorsi dopo il naufragio della nave all'Isola del Giglio edha ricevuto per questo anche l'encomio solenne della MarinaMilitare. Sui mezzi di informazione di tutto il mondo e'diventato il simbolo dell'Italia che prova a dare un'immaginediversa rispetto ad un disastro del genere. Questa rimozione,per la quale il comandante si sarebbe detto amareggiato, meritagli opportuni chiarimenti pubblici, anche per fugare eventualisospetti che la possano collegare allo svolgimento del processodi Grosseto". "Premesso che i militari devono obbedire agli ordini deisuperiori e che i trasferimenti fanno parte della normale vitadi chi svolge questo tipo di attivita', sorprende la decisionedi trasferire a incarichi amministrativi il capitano Gregoriode Falco". Cosi' Maurizio Gasparri, esponente di Forza Italia eVice Presidente del Senato. "In proposito ho presentatoun'interrogazione parlamentare per avere spiegazioni dalministro competente. Con la sua determinazione de Falco fuprotagonista la notte della tragedia della Costa Concordiagestendo a distanza una vicenda nota a tutti. Il capitano e'assurto in alcuni momenti a simbolo di un correttocomportamento contrapposto a quello del comandante Schettino,tuttora oggetto di un giudizio penale. Mi auguro che i verticidella Difesa valutino questa vicenda perche', pur nel rispettodelle regole, degli avvicendamenti e dei trasferimenti, credoche chi si e' comportato con grande fermezza come de Falcomeriti ascolto. Non fa piacere, come gia' tanti hannoosservato, vedere Schettino eretto a semi docente e de Falcoinvece retrocesso in seconda fila".