Camorra: Alfano, a Napoli -6, 3% reati nei primi 7 mesi 2015

(AGI) - Roma, 29 set. - "Questa mattina, durante il Comitatoper l'ordine e la sicurezza pubblica abbiamo fatto un ottimolavoro". Ad affermarlo e' il ministro dell'Interno, AngelinoAlfano, sottolineando come "il controllo capillare delterritorio a Napoli e nella sua provincia ha gia' ottenutosensibili risultati che adesso puntiamo a incrementare. Nellaprovincia di Napoli, infatti, nei primi sette mesi dell'annorispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, si registraun trend decrescente del -6,3% dell'indice di delittuosita'.Questo e' dimostrato, per esempio, dalla diminuzione dellerapine (-17,1%), dei furti (-0,9%) e dei reati in materia distupefacenti (-10,8%)".

(AGI) - Roma, 29 set. - "Questa mattina, durante il Comitatoper l'ordine e la sicurezza pubblica abbiamo fatto un ottimolavoro". Ad affermarlo e' il ministro dell'Interno, AngelinoAlfano, sottolineando come "il controllo capillare delterritorio a Napoli e nella sua provincia ha gia' ottenutosensibili risultati che adesso puntiamo a incrementare. Nellaprovincia di Napoli, infatti, nei primi sette mesi dell'annorispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, si registraun trend decrescente del -6,3% dell'indice di delittuosita'.Questo e' dimostrato, per esempio, dalla diminuzione dellerapine (-17,1%), dei furti (-0,9%) e dei reati in materia distupefacenti (-10,8%)". "Importante - continua Alfano - ancheil dato favorevole sul piano del contrasto in relazione allepersone denunciate e arrestate (+27,3%) e quello relativoall'aggressione ai patrimoni illecitamente accumulati: dalprimo gennaio a oggi sono stati sequestrati alla criminalita'organizzata 927 beni per un valore di quasi 300 milioni dieuro, mentre sono stati confiscati 80 beni per un valore dioltre 11 milioni di euro. Proprio perche' non ci accontentiamo- conclude il ministro - vogliamo fare ancora di piu' e ancorameglio per garantire ai cittadini onesti di vivere senza paurae per assicurare alla giustizia i criminali". Al Comitato hanno partecipato il viceministro, FilippoBubbico, il capo di gabinetto, Luciana Lamorgese, il prefettodi Napoli, Gerarda Pantalone, i vertici nazionali e dellaprovincia di Napoli delle forze dell'ordine, della Dia e deiservizi di intelligence, il procuratore nazionale antimafia,Franco Roberti, il procuratore generale presso la Corte diAppello di Napoli, Luigi Riello, il procuratore dellaRepubblica presso il Tribunale, Giovanni Colangelo. (AGI).