Camorra: agguato in Irpinia, grave 70enne ferito per errore

(AGI) - Avellino, 25 set. - E' stato operato nella notte perestrarre il colpo che lo ha ferito alla nuca,Giulio Maffettone,57 anni pluripregiudicato considerato il braccio destro delboss Biagio Cava. Maffettone, ferito ieri sera mentre giocava abocce in un campetto alla periferia di Pago del Vallo di Lauro,non e' in pericolo di vita ma i medici dell'ospedale di Nola sisono riservati la prognosi. Sono invece gravi le condizioni diun commerciante 70enne ferito all'addome, trasferitoall'ospedale "Cardarelli" di Napoli. Dimesso poche ore dopo dalricovero per una ferita alla spalla sinistra un insegnante che

(AGI) - Avellino, 25 set. - E' stato operato nella notte perestrarre il colpo che lo ha ferito alla nuca,Giulio Maffettone,57 anni pluripregiudicato considerato il braccio destro delboss Biagio Cava. Maffettone, ferito ieri sera mentre giocava abocce in un campetto alla periferia di Pago del Vallo di Lauro,non e' in pericolo di vita ma i medici dell'ospedale di Nola sisono riservati la prognosi. Sono invece gravi le condizioni diun commerciante 70enne ferito all'addome, trasferitoall'ospedale "Cardarelli" di Napoli. Dimesso poche ore dopo dalricovero per una ferita alla spalla sinistra un insegnante cheera in compagni di Maffettone e del commerciante. I due nonhanno precedenti e non risultano legati a clan camorristici.Sarebbero rimasti coinvolti per errore nell'agguato. L'indaginee' passata per competenza alla procura distrettuale antimafiadi Napoli e il pm Francesco Soviero ha disposto deisopralluoghi nella frazione Pernosano di Pago del Vallo diLauro, dove si trova il campetto realizzato sul greto di uncanale dei Regi Lagni, teatro dell'agguato. Il perito balisticoAlessandro Lima assieme ai carabinieri del comando provincialedi Avellino sta coordinando i rilievi alla ricerca di elementiche possano consentire di individuare l'arma utilizzata. Sitratterebbe di un fucile a canne mozze dal quale sono statiesplosi due colpi. I militari hanno gia' eseguito numeroseperquisizioni in abitazioni di pregiudicati e interrogatoalcune persone che ieri sera, intorno alle 19 si trovavano nelcampetto per assistere alle partite di bocce. Maffettone era inliberta' vigilata dal febbraio 2013, quando il tribunale diMessina ne aveva disposto la scarcerazione in seguito a unacondanna passata in giudicato. Coinvolto in numerose indaginiper estorsione, Maffettone e' considerato il reggente del clanche fa capo a Biagio Cava, il boss protagonista della faidatrentennale con i Graziano di Quindici. L'ultimo episodio disangue nella zona riconducibile alla faida risale al 2006,quando fu ucciso a Nola Felice Manganiello, 49 anni legato aiGraziano. L'episodio piu' grave risale al 2002 quando il 22maggio la sorella, la figlia e la cognata di Biagio Cava furonouccise dai Graziano a Lauro dopo un lungo inseguimento. Attualmente i carabinieri del comando provinciale di Avellino,coordinati dal colonnello Francesco Merone, stanno ricercandodue uomini che ieri sera si sono avvicinati al campetto dibocce e hanno sparato contro Maffettone. I due sono poi fuggitia piedi nelle campagne circostanti, ma, secondo gliinvestigatori, potrebbero aver raggiunto un'auto che liattendeva nelle vicinanze per poi dileguarsi. .