Botte e petardi, Palermo-Lazio nel caos

Botte e petardi, Palermo-Lazio nel caos

Palermo - Grande tensione al Barbera. Con il Palermo gia' sotto di due gol contro la Lazio (doppietta di Klose), alcuni tifosi rosanero hanno cominciato a lanciare grossi petardi in campo, uno di questi e' esploso nell'area biancoceleste, a pochi passi da uno degli arbitri addizionali. Cosi' al 24' l'arbitro Gervasoni ha sospeso la partita per un paio di minuti. Il pubblico contesta la formazione di Novellino, attualmente terz'ultima alla pari con il Carpi, con cori del tipo "Vogliamo la Primavera"; alcuni stanno ritirando le bandiere in segno di protesta. Nel pomeriggio cinque tifosi rosanero e diversi ultra della Lazio erano stato fermati dalla polizia dopo una maxirissa scoppiata nel salotto cittadino, nel centro di Palermo chiuso alle automobili, mentre famiglie con bambini passeggiavano. Una trentina di tifosi laziali - seduti ai tavoli di un noto bar nei pressi di via Mazzini - erano stati sorpresi da tifosi rosanero e in pochi minuti era scoppiato il caos: calci, pugni, fumogeni, lanci di sedie e tavolini. I negozianti di via Liberta', per paura, hanno abbassato le saracinesce. I tafferugli - ma si parla di diversi feriti, non gravi - sono iniziati intorno alle 16:15. Sul posto, in pochi minuti, oltre ai carabinieri, gli agenti del reparto Mobile della Polizia di Stato e gli investigatori della Digos della Questura di Palermo. Diversi i video di cittadini che su Facebook hanno "postato" diversi video. (AGI)