Bialetti: utile da 4,1 milioni di euro nel 2014

Il Consiglio di Amministrazione di Bialetti Industrie si è riunito oggi sotto la presidenza di Francesco Ranzoni ed ha approvato i risultati al 31 dicembre 2014.

"Sono soddisfatto dell'andamento del gruppo nel 2014 - ha affermato il Presidente Francesco Ranzoni – a testimonianza dell'efficacia delle scelte strategiche adottate. I risultati sono coerenti con i nostri obiettivi di medio-lungo termine che vogliono perseguire una crescita sostenibile e profittevole, basata sul vantaggio competitivo dei nostri marchi, sulla capacità di offrire al mercato prodotti nuovi e contemporanei, con una grande attenzione alla ricerca della massima efficienza gestionale. Guardando al 2015, nonostante permangano situazioni di incertezza, sono fiducioso sullo sviluppo delle nostre potenzialità. Continueremo a perseguire con determinazione la nostra strategia di sviluppo della rete di vendita monomarca, aprendo nell'anno in corso circa 34 nuovi punti vendita a marchio Bialetti in Italia. Mi congratulo con Egidio Cozzi per la sua odierna nomina a Direttore Generale della Società in quanto manager che ha sviluppato la sua professionalità sia in ambito nazionale che internazionale e che conosce profondamente il nostro gruppo avendo condiviso con me diversi anni del suo percorso professionale".

Overview
Il gruppo Bialetti chiude l'esercizio 2014 con ricavi consolidati pari a 161 mln/€ in aumento rispetto all'esercizio 2013. In uno scenario macroeconomico ancora di forte criticità, il Gruppo ha incrementato il fatturato consuntivando risultati economici superiori a quelli dello scorso anno.

Il risultato operativo si assesta a 12,4 mln/€ (8,2 mln/€ nel 2013) con un incremento del 52,3%; il risultato netto evidenzia un utile di 4,1 mln/€ e si confronta con un risultato negativo di 0,7 mln/€ dello scorso anno. Le iniziative volte al contenimento dei costi di gestione e all'aumento della profittabilità dei prodotti, oltre che alla politica di sviluppo nel settore retail, hanno permesso il deciso miglioramento delle performances del Gruppo.

Dal punto di vista del business, il management è stato impegnato:
- nello sviluppo del canale retail tramite la prosecuzione del piano di apertura di negozi monomarca Bialetti nelle principali città italiane (29 nuovi punti vendita aperti nel 2014; 88 punti vendita operativi al 31 dicembre 2014);
- nel lancio di nuovi prodotti tra cui la macchina da caffè espresso "Cuore", la prima e unica macchina sospesa che poggia su un elegante supporto in metallo e dà vita a un vero gioiello dell'innovazione, disponibile a partire dal mese di ottobre 2014;
- nell'installazione nel sito produttivo di Coccaglio (BS) dell' impianto di tostatura del caffè che ha consentito l'integrazione a monte nella catena produttiva del caffè. Bialetti può quindi gestire in autonomia il processo industriale che, dall'acquisto della materia prima (caffè verde in chicchi), alla tostatura e alla lavorazione del caffè tostato, porta al successivo confezionamento delle capsule di caffè. Ciò le consente di disporre del know how specifico acquisendo flessibilità nello sviluppo di nuove miscele;
- in diverse iniziative tese ad una maggiore efficienza dei processi di gestione della supply chain e al contenimento dei costi di struttura.

Tali iniziative hanno determinato un importante miglioramento dei risultati economici e finanziari del gruppo. Dal punto di vista finanziario Bialetti, unitamente alla propria controllata Bialetti Store S.r.l, ha sottoscritto il 29 dicembre 2014, con le banche finanziatrici, un accordo di risanamento dell'indebitamento, che modifica parzialmente l'accordo del 2012, finalizzato a supportare la Società e il Gruppo Bialetti nell'attuazione del piano industriale, economico e finanziario 2013-2017. Si rinvia al comunicato diramato in pari data per ogni dettaglio relativo all'Accordo.

Dati economico finanziari consolidati
Il gruppo Bialetti chiude l'esercizio 2014 con ricavi netti consolidati pari a 161 mln/€ in aumento rispetto all'esercizio 2013 (159 mln/€ nell'esercizio 2013).

Tale andamento è principalmente riconducibile alle buone performance del segmento "Moka & Coffemaker" che ha registrato una crescita del 8,2% rispetto all'esercizio precedente e dal segmento "Espresso" costituito dalle vendite di macchine per il caffè espresso e dal caffè porzionato in capsule che risultano complessivamente in crescita del 14,7% rispetto all'esercizio precedente. Il segmento "Cookware" e "Girmi Ped" registrano invece fatturati inferiori rispetto al 2013, rispettivamente del 6,6% e del 7,8%.

I ricavi sono ripartiti tra il settore Mondo Casa per il 48% e il settore Mondo Caffè per il 52% e sono stati realizzati in Italia per il 71%, nel resto dell'Europa per il 23%, in Nord America e nel resto del Mondo per il 6%.

I ricavi dei negozi a gestione diretta, che rappresentano il 22,7% dei ricavi di gruppo si attestano a 36,6 mln/€, in crescita del 39,2% rispetto al fatturato realizzato nel 2013 (26,3 mln/€), grazie anche alla apertura di nuovi punti vendita (29 nuovi negozi nei primi nove mesi del 2014). Al 31 dicembre 2014 Bialetti Store conta 89 punti vendita in Italia (22 outlet, 20 negozi in centro città e 47 punti vendita nei centri commerciali). Il costo del prodotto si riduce di 3,1 mln/€ rispetto allo scorso esercizio (75 mln/€ nel 2014; 78,2 mln/€ nell'esercizio 2013).

L'incidenza percentuale del costo del prodotto sul fatturato è risultata pari al 46,6% del 2014 rispetto a quella del 49,2% dello scorso anno. Tale variazione è correlata principalmente alle operazioni focalizzate al contenimento dei costi e al sostegno dei margini. L'incremento dei costi per servizi e dei costi operativi è esclusivamente imputabile alle nuove aperture di negozi monomarca effettuate dalla controllata Bialetti Store S.r.l..

In particolare, i costi per servizi non imputabili direttamente al costo del prodotto fanno segnare un aumento sia in termini assoluti (+ 1,1 mln/€) che di incidenza sul fatturato (19,2% nel 2014 contro 18,7% nel 2013). Gli altri costi operativi sono aumentati di 2,1 mln/€ (13,6 mln/€ nel 2014; 11,5 mln/€ nel 2013). I costi per il personale al netto degli oneri di mobilità ammontano a 25,2 mln/€ (23,5 mln/€ nel 2013).

L'aumento è principalmente riconducibile alle assunzioni di circa 100 addetti per effetto delle nuove aperture dei negozi monomarca da parte della società Bialetti Store S.r.l. Nel complesso il Gruppo è passato ad un organico di 1.043 unità al 31/12/2014, contro le 1.017 unità al 31/12/2013.
L'EBIT (risultato operativo) è positivo per 12,4 mln/€ (8,2 mln/€ al 31 dicembre 2013).
L'EBITDA (risultato operativo lordo) è positivo per 15,6 mln/€ (14,3 mln/€ nel 2013). Il minor impatto degli "oneri finanziari" per 2,2 mln/€ nel 2014 è conseguente all'andamento favorevole della Lira Turca nel 2014 rispetto al 2013 anno in cui il gruppo aveva contabilizzato importanti differenze cambio a seguito della pesante svalutazione della Lira Turca avvenuta verso la fine del 2013.

L'esercizio 2014 chiude con risultato netto positivo consolidato di 4,1 mln/€, contro una risultato netto negativo di 0,7 mln/€ relativo all'esercizio precedente. Nel corso del 2014 sono stati effettuati investimenti al netto delle dismissioni in immobilizzazioni per 6,7 mln/€, di cui 1,6 mln/€ per immobilizzazioni immateriali (acquisto nuovi software e sviluppo del nuovo gestionale SAP, key money pagati per l'apertura di alcuni punti vendita e lo studio di nuovi prodotti) e 5,1 mln/€ relativi a immobilizzazioni materiali tra i quali il completamento della linea per il confezionamento delle capsule di tisane e thè ed l'acquisto dell'impianto di tostatura caffè installato presso il sito produttivo di Coccaglio (BS), gli arredi e le attrezzature relativi a 29 nuovi punti vendita e all'ampliamento della capacità della linea di produzione delle caffettiere in alluminio presso il sito produttivo in Romania.

L'indebitamento finanziario netto al 31 dicembre 2014 è stato pari a 85,4 mln/€ rispetto a 87,3 mln/€ al 31 dicembre 2013. La variazione positiva per 1,9 mln/€ è stata determinata dalla cassa generata dall'attività dell'esercizio.