Associazione Antigone, meno detenuti ma ancora sovraffollamento

(AGI) - Roma, 17 mar. - I detenuti nelle carceri italiane sonodiminuiti ma non e' ancora stato risolto il problema delsovraffollamento. Lo sottolinea l'associazione Antigone nel suorapporto annuale sulle condizioni di detenzione, intitolatoquest'anno 'oltre i tre metri quadri'. Nel documento,presentato questa mattina a Roma, si legge che i detenutipresenti al 28 febbraio 2015 erano 53.982. Al 31 dicembre 2013erano invece 62.536. A oggi sono dunque 8.554 in meno rispettoa fine 2013. Questo calo, sottolinea Antigone, non e' tuttaviaservito a risolvere completamente il problema delsovraffollamento: i posti regolamentari in tutte le

(AGI) - Roma, 17 mar. - I detenuti nelle carceri italiane sonodiminuiti ma non e' ancora stato risolto il problema delsovraffollamento. Lo sottolinea l'associazione Antigone nel suorapporto annuale sulle condizioni di detenzione, intitolatoquest'anno 'oltre i tre metri quadri'. Nel documento,presentato questa mattina a Roma, si legge che i detenutipresenti al 28 febbraio 2015 erano 53.982. Al 31 dicembre 2013erano invece 62.536. A oggi sono dunque 8.554 in meno rispettoa fine 2013. Questo calo, sottolinea Antigone, non e' tuttaviaservito a risolvere completamente il problema delsovraffollamento: i posti regolamentari in tutte le carceri delPaese sono infatti 49.943 secondo il Dipartimentodell'amministrazione penitenziaria (Dap). Il tasso diaffollamento si aggira quindi intorno al 100,8%, ovvero 108detenuti ogni 100 posti letto. "Pero' per stessa ammissionedell'amministrazione - si legge ancora - il dato sulla capienzanon tiene conto di eventuali situazioni transitorie (repartichiusi per lavori di manutenzione) che comportano scostamentitemporanei dal valore indicato. Gli scostamenti temporanei danoi accertati - continua il rapporto di Antigone - sonoquantificabili intorno alle 4.200 unita'. Se cosi' fosse iltasso di affollamento salirebbe al 118%. Occorre dunqueinsistere sul terreno delle riforme per arrivare a unasituazione normale, ovvero di un detenuto per un posto letto".(AGI).