"Siamo tutti Anna Frank". L'editoriale di Calabresi contro il razzismo degli ultrà laziali

La condanna del direttore di Repubblica dopo il gesto antisemita degli ultrà della Lazio 

"Siamo tutti Anna Frank". L'editoriale di Calabresi contro il razzismo degli ultrà laziali

"L’idea che l’immagine di Anna Frank possa essere utilizzata per insultare qualcuno è talmente arretrata e grottesca da squalificare per sempre chi l’ha pensata". E' senza mezze misure la condanna di Mario Calabresi, direttore di Repubblica, per gli adesivi attaccati da ultrà della Lazio nella Curva Sud dello Stadio Olimpico.

"Quel volto è nei cuori di ogni studente che abbia letto il suo Diario e l’abbia avuta come ideale compagna di banco" scrive Calabresi in un editoriale corredato da un fotomontaggio della ragazzina divenuta simbolo della Shoah ritratta con la maglia di altre squadre di Serie A, "quella ragazzina ci ha raccontato non la sua morte ma la vita, i sogni, le speranze, il futuro sebbene si trovasse nel cuore della notte dell’umanità".

"Quando al giornale abbiamo visto la sua foto con la maglia della Roma, usata da un gruppo di ultrà della Lazio per infamare gli avversari, ci siamo indignati come tutte le volte che ci troviamo di fronte alla banalità del male. Ma questa volta abbiamo pensato che è necessario fare un passo in più" scrive il direttore.

"Come è diventato possibile che Anna Frank sia considerata un modo per offendere? Ribaltiamo i piani, restituiamole il suo valore, trasformiamola in un omaggio, non lasciamola sola e in mano all’ignoranza. E allora Anna Frank siamo tutti noi, può e deve avere la maglia di ogni squadra, essere parte della nostra vita. Ogni club dovrebbe farne una bandiera, per rispondere senza esitazione alla deriva degli estremisti delle curve" aggiunge, per poi incitare a non smettere di intitolarle strade, scuole e bibloteche.
 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it