Chi è Andrea Zamperoni, lo chef italiano scomparso a New York

L'uomo era arrivato negli Stati Uniti lo scorso anno per guidare uno dei punti Cipriani più importanti

andrea zamperoni chef scomparso
Fonte: Facebook
Andrea Zamperoni

Andrea Zamperoni, lo chef italiano scomparso lo scorso sabato 17 a New York, lavorava per la nota catena di ristoranti Cipriani da 11 anni. L’anno scorso il trasferimento negli Stati Uniti, proprio nella “grande mela”, sulla 74th Street a Woodside, nel Queens, per occupare il ruolo di capo chef in uno dei punti Cipriani più importanti, quello all’interno della Grand Central Terminal di Manhattan.

Zamperoni vive nel suo appartamento da solo, il fratello gemello, anche lui chef per la Cipriani, si trova a Londra, entrambi tornavano spesso a Casalpusterlengo, in provincia di Lodi, dove abitano ancora madre, padre e nonna.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

NewYork NewYork #beatifulmanatthan# summer

Un post condiviso da Andrea Zamperoni (@andreazamperoni) in data:

L’ultima traccia sui social risale al 28 luglio, su Instagram, con la foto di un tramonto su Manhattan. Sul sito specializzato Tripadvisor il lavoro dello chef Zamperoni è molto apprezzato e sono in molti a considerare il ristorante una vera e propria oasi italiana nel cuore del traffico della Grand Central Terminal.

Mentre online gira già da diversi giorni la foto dello chef, anche la polizia ha diffuso un identikit ufficiale: “Si cerca un ragazzo di 33 anni, peso 200 libbre (90 chili) e occhi e capelli marroni”. Anche Elia Delmiglio, sindaco di Casalpusterlengo, esprime solidarietà nei confronti della famiglia, che nelle ultime ore ha ricevuto l’affetto degli amici d’infanzia del figlio Andrea: “Ci uniamo all'apprensione della famiglia, nella speranza che il caso venga risolto rapidamente, e ci affidiamo alla competenza delle autorità della polizia di New York perché si arrivi a notizie positive e a una conclusione felice della vicenda”.

Stessa vicinanza, come riportato da La Repubblica, da parte di Don Nunzio Rosi, il parroco di Zorlesco, che ha pensato di organizzare una veglia di preghiera: "Tutti siamo rimasti profondamente colpiti e addolorati da questa notizia. Questa è una famiglia molto unita e noi l'abbiamo nel cuore: non possiamo che starle molto vicini". La madre di Zamperoni si limita a commentare dicendo che “Non avrei mai pensato che una cosa del genere potesse capitare proprio alla nostra famiglia”. Lo chef è stato visto per l’ultima volta dai suoi colleghi nella notte tra sabato 17 e domenica 18, alla fine del suo turno di lavoro.  



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.