'Ndrangheta: boss dei Piromalli-Mole' ucciso a Vittoria in Sicila

(AGI) - Ragusa, 14 dic. - L'omicidio che ha sconvolto la citta'di Vittoria (Ragusa) sembra sempre piu' avere lecaratteristiche di una esecuzione mafiosa. Due sicari, in pieno centro, hanno fatto fuoco sul 53enneMichele Brandimarte, calabrese, noto alle forze dell'ordine,freddato in mezzo a centinaia di persone che stavanopasseggiando, come ogni domenica pomeriggio, nellacentralissima via Roma. L'omicidio e' avvenuto alle 18,30. Le indagini sonoaffidate a carabinieri e polizia, la Procura di Ragusa ha gia'aperto un fascicolo di indagine e, secondo indiscrezioni, sulcaso c'e' anche l'attenzione della Direzione DistrettualeAntimafia di Catania. Michele Brandimarte,

(AGI) - Ragusa, 14 dic. - L'omicidio che ha sconvolto la citta'di Vittoria (Ragusa) sembra sempre piu' avere lecaratteristiche di una esecuzione mafiosa. Due sicari, in pieno centro, hanno fatto fuoco sul 53enneMichele Brandimarte, calabrese, noto alle forze dell'ordine,freddato in mezzo a centinaia di persone che stavanopasseggiando, come ogni domenica pomeriggio, nellacentralissima via Roma. L'omicidio e' avvenuto alle 18,30. Le indagini sonoaffidate a carabinieri e polizia, la Procura di Ragusa ha gia'aperto un fascicolo di indagine e, secondo indiscrezioni, sulcaso c'e' anche l'attenzione della Direzione DistrettualeAntimafia di Catania. Michele Brandimarte, 53enne, originariodi Gioia Tauro, ucciso oggi pomeriggio a Vittoria (Ragusa), era- secondo le prime informazioni - un esponente di spiccodell'omonima famiglia legata alla cosca Piromalli-Mole' diGioia Tauro. Aveva precedenti per associazione a delinquere distampo mafioso e traffico di droga. La famiglia di Michele Brandimarte e' stata coinvolta, sindal 2011, in una faida con i Priolo, altra famiglia imparentatacon i Piromalli. La guerra di mafia inizio' con l'uccisione diVincenzo Priolo, 29 anni, da parte di Vincenzo Perri, nipote diMichele Brandimarte. Sempre nel 2011 qualcuno tento' diuccidere il fratello di Michele, Giuseppe Brandimarte. I duefratelli di Michele Brandimarte, Antonio e Alfonso, furonoarrestati l'estate scorsa nell'ambito dell'operazione "Puertoliberado" condotta dalla Guardia di finanza con ilcoordinamento della Direzione distrettuale antimafia di ReggioCalabria, che porto' alla luce l'esistenza di un gruppo chegestiva l'importazione di cocaina dal Sudamerica, attraverso ilporto di Gioia Tauro. (AGI).