Web: Cassazione, è reato mettere foto di un altro su profilo Fb

Rischia una condanna per il reato di sostituzione di persona chi, sul proprio profilo Facebook, utilizza la foto di un altro. La quinta sezione penale della Cassazione ha infatti confermato la pena, patteggiata da una 29enne davanti al gup di Pordenone, a 15 giorni di reclusione, convertita in una multa di 3.750 euro, da pagare in 30 rate mensili. Il reato contestato alla donna era quello previsto dall'articolo 494 del codice penale. 
La difesa aveva impugnato il patteggiamento in Cassazione, sostenendone la nullità, per poter formulare una richiesta di sospensione del processo per messa alla prova. La Suprema Corte, con una sentenza depositata oggi, ha dichiarato legittimo il decreto penale di condanna emesso a carico della ragazza, e rigettato il ricorso, concludendo così l'iter processuale.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it