Vaccini: dal ministero nessuna proroga alla scadenza del 10 marzo

Vaccini: dal ministero nessuna proroga alla scadenza del 10 marzo
 Foto: fotogramma Vista
 Lorenzin

Non sono previste proroghe alla scadenza del 10 marzo per assolvere all'obbligo vaccinale. Lo precisa in una nota il ministero della Salute. Il termine del 10 marzo, sottolinea il ministero, “vale per tutte le Regioni, anche per quelle che hanno aderito alla procedura semplificata. Il termine del 10 marzo è fissato dalla legge e ne consegue, ribadisce il ministero, che “nel caso non si sia adempiuto agli obblighi vaccinali entro il 10 marzo, è vietato l'accesso per asili nido e scuola infanzia (0-6 anni) sino a quando il minore non sarà vaccinato o non avrà regolarizzato la propria posizione vaccinale. Per i ragazzi della scuola dell'obbligo (6-16 anni) scatta la procedura che può portare ad una sanzione pecuniaria da 100 a 500 euro. In ogni caso, i bambini (0-6 anni) saranno immediatamente riammessi a scuola nel momento in cui dimostrino di essere in regola. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it