Treno deragliato: pendolari a Mattarella, venga a Pioltello

Una quindicina di Comitati Pendolari della Lombardia ha scritto una lettera al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per chiedere un gesto di vicinanza per le vittime del grave incidente di Pioltello, un impegno per l'accertamento della verità sulle sue cause, maggiore attenzione per il trasporto pubblico e i problemi quotidiani dei suoi utenti. "Illustrissimo Presidente - si legge nella missiva firmata tra gli altri dai rappresentanti dei Viaggiatori alla Conferenza Regionale per il TPL, Matteo Mambretti Lucia Ruggiero - Le scrive un gruppo di Comitati Pendolari di Regione Lombardia. In seguito al terribile deragliamento del 25 gennaio scorso, che ha causato tre vittime, numerosi feriti e che ci ha scosso profondamente, ci permettiamo di chiederLe un Suo diretto e forte intervento nei luoghi della tragedia. Troppo spesso in Italia il trasporto regionale su ferro e gomma non sembra interessare le Istituzioni in modo soddisfacente, né tanto meno i mezzi di comunicazione, che danno risalto alle nostre vite solamente in casi di grave incidente o di eccessivi disagi, alla costante ricerca di scoop ed esasperazioni. Serve invece non dimenticare che la forza lavoro italiana, spesso quella più preparata e che sceglie di restare in questo Paese, nonostante le difficoltà, si muove utilizzando proprio quel trasporto regionale che collega i grandi punti di attrazione come Milano o Roma, con i centri più piccoli".

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it