Siria: attacco di Usa, Gb e Francia, Mosca annuncia 'conseguenze'

Siria: attacco di Usa, Gb e Francia, Mosca annuncia 'conseguenze'
Afp/Ho/Media Militare Centrale del Governo siriano
Missili terra-aria sulla capitale di Damasco in risposta agli attacchi degli Stati Uniti

"Ho ordinato l'attacco" contro il contro il regime di Damasco. L'annuncio del presidente Donald Trump è arrivato alle 21 di Washington (le 3 di notte in Italia) dalla Casa Bianca mentre i missili stavano già colpendo impianti collegati alla produzione di armi chimiche, compreso un centro di ricerca a Damasco. L'operazione è stata portata avanti "congiuntamente" con Francia e Regno Unito contro "obiettivi mirati", a Homs e nella capitale: non per rovesciare il regime ma per inviare un chiaro messaggio al presidente siriano Bashar al Assad, reo di aver usato il gas nervino contro la sua gente. "La sorte di Assad e' nelle mani del popolo siriano", ha spiegato Trump mentre il Pentagono ha precisato che sono state volutamente evitate le basi russe in Siria e minimizzati i rischi per i civili. Non appena il presidente americano ha finito di parlare, sono state segnalate esplosioni a Damasco e sui social media sono rimbalzati video e foto dei missili in arrivo. La tv di stato siriana ha fatto sapere che il regime stava rispondendo "all'aggressione" ma il ministro della Difesa Usa, James Mattis, ha escluso vittime tra gli americani. Dura la risposta di Mosca che, tramite l'ambasciatore a Washington, Anatoly Antonov, ha definito l'attacco un "inammissibile" schiaffo al presidente Vladimir Putin che "non restera' senza conseguenze".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it