Salvini apre a M5s: "Spero in un accordo con loro"

Salvini apre a M5s: "Spero in un accordo con loro"
MARCO BERTORELLO / AFP
Matteo Salvini (AFP)

"C’è un programma, da proporre, condividere e aggiornare, da trasformare in fatti. Al di là dei nomi che possono appassionare i giornalisti ma meno gli italiani, penso che siano le cose da fare quelle su cui vedere se c’è un punto di incontro o no. Può esserci o non esserci e io mi auguro che ci sia". Il segretario della Lega Matteo Salvini, oggi in consiglio comunale a Milano, replica così a chi chiede cosa impedisca a lui e al leader del M5s Luigi Di Maio di fare un governo insieme. "Se non c'è un accordo - aggiunge - io non tiro a campare sicuramente". Quanto a Forza Italia, e a cosa penserebbe di un governo con i pentastellati, Salvini osserva: "Prima si parte dal programma e dalla coalizione del centrodestra, ci stiamo lavorando e a breve sarà pronto. Prima ne parleremo tra alleati e poi con tutti gli altri".  Insomma il percorso da seguire per Salvini è chiaro: "Si parte dal programma più votato dagli italiani e dalla coalizione più votata. Poi intorno a questo siamo disponili a ragionare con tutti, come abbiamo dimostrato per le presidenze di Camera e Senato vediamo se si raggiunge una maggioranza. L’unica maggioranza che tendo a vedere come improbabile - sottolinea - è quella che abbia il Pd della Boschi e di Renzi al governo, questo tendo a escluderlo ovviamente". Il leader del Carroccio apre anche sul reddito di cittadinanza proposto da M5s: se il reddito di cittadinanza "fosse uno strumento per reintrodurre nel mondo del lavoro chi oggi ne é uscito" troverebbe d'accordo anche Salvini. Il leader della Lega assicura di non averne ancora parlato con Di Maio: "Per serietà abbiamo parlato di fare partire prima i lavori delle Camere. Sulle idee che abbiamo su temi come lavoro, giustizia, scuola dobbiamo confrontarci. Se il reddito di cittadinanza fosse pagare la gente per stare a casa no, ma se fosse uno strumento per reintrodurre nel mondo del lavoro chi oggi ne è uscito allora si".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it