Processo escort: ricorso a Consulta su legge Merlin, stop udienze

Processo escort: ricorso a Consulta su legge Merlin, stop udienze

La terza sezione della Corte di Appello di Bari ha accolto l'istanza dei difensori di Giampaolo Tarantini e di Massimiliano Verdoscia, imputati per reclutamento e favoreggiamento della prostituzione nel processo sulle donne portate nelle residenze dell'allora premier Silvio Berlusconi, fra il 2008 e il 2009 dall’imprenditore barese Gianpaolo Tarantini, di sospendere il cosiddetto processo 'escort'. Tocchera' ora alla Consulta stabilire se è costituzionale punire chi recluta donne che volontariamente si prostituiscono. La terza sezione della Corte di Appello di Bari ha ritenuto non manifestamente infondata e rilevante ai fini del processo la presunta illegittimità
costituzionale della legge Merlin, nella parte in cui prevede come reato il reclutamento ai fini della prostituzione anche quando si tratta di escort che scelgono liberamente e volontariamente di prostituirsi.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it