Papa: rifiutare egoismo e corruzione

Papa: rifiutare egoismo e corruzione

Essere cristiani "richiede fede e vita morale sana, che rifiuti il male, l’egoismo, la corruzione". Lo ha ricordato Papa Francesco nella catechesi che ha preceduto l'Angelus. Una riflessione culminata nell'invito a non scoraggiarci "nei momenti in cui ci sentiamo soli, quando siamo tentati di arrenderci alle difficoltà della vita". "Quando ritroviamo il coraggio, perchè coraggio ci vuole, di riconoscerci per quello che siamo, ci accorgiamo - ha osservato il Papa - di essere persone chiamate a fare i conti con la nostra fragilità e i nostri limiti: dobbiamo conoscerli ma non per disperarci, allora può capitare di essere presi dall’angoscia, dall’inquietudine per il domani, dalla paura della malattia e della morte. Questo spiega perché tante persone, cercando una via d’uscita, imboccano a volte pericolose scorciatoie come ad esempio il tunnel della droga o quello delle superstizioni o di rovinosi rituali di magia". 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it