Papa Francesco celebra don Tonino Bello, "Mediterraneo sia arca di pace"

Papa Francesco celebra don Tonino Bello, "Mediterraneo sia arca di pace"

"Il Mediterraneo, storico bacino di civiltà, non sia mai un arco di guerra teso, ma un'arca di pace accogliente": questo l'auspicio di Papa Francesco nel discorso pronunciato a Alessano, in Salento, dove ha reso omaggio alla memoria di don Tonino Bello, "vescovo scomodo" e storico presidente di Pax Christi. "Se la guerra genera povertà, anche la povertà genera guerra. La pace, perciò, si costruisce a cominciare dalle case, dalle strade, dalle botteghe, là dove artigianalmente si plasma la comunione", ha sottolineato il Pontefice ricordando l'impegno di don Tonino. Francesco ha ricordato la "salutare allergia verso i titoli e gli onori" di don Tonino Bello che si esprimeva "nel suo coraggio di liberarsi di quel che può ricordare i segni del potere per dare spazio al potere dei segni". Nel nome di don Tonino, il Papa ha esortato la Chiesa a non cedere "alla tentazione ricorrente di accodarci dietro ai potenti di turno, di ricercare privilegi, di adagiarci in una vita comoda". 
 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it