Pa: 70 statali licenziati nel 2017 ma cala numero 'disonesti'

Pa: 70 statali licenziati nel 2017 ma cala numero 'disonesti'

Settanta dipendenti statali sono stati licenziati nel 2017 dalla Pubblica Amministrazione per aver commesso reati penali. Il numero dei ministeriali 'disonesti' è comunque calato in un anno da 1.183 a 872. E anche i licenziamenti sono diminuiti, considerando che nel 2016 erano stati 89 contro i 70 dell'anno appena trascorso. E’ quanto emerge dalla lettura delle relazioni per il 2017 che i responsabili Anticorruzione di tutti i ministeri hanno inviato all’Anac, assolvendo all’obbligo di spedire ogni anno entro il 31 gennaio un prospetto coi procedimenti aperti e le sanzioni adottate nel corso dell’anno precedente. Obbligo stabilito da un decreto del 2013, cui si accompagna quello della pubblicazione delle stesse relazioni sui siti dei ministeri. Va subito detto, però, che questa seconda prescrizione è stata assolta anche quest’anno in modo poco più che formale, poiché i documenti in questione spesso risultano “mimetizzati” nelle sottosezioni dei siti e raggiungibili solo grazie alla pervicacia di chi naviga in Rete. Spulciando i dati, viene fuori pure che la strada per combattere l’omertà (spesso conseguenza del timore di rappresaglie) è ancora lunga, visto che i dipendenti ministeriali infedeli non vengono adeguatamente isolati dai colleghi a conoscenza di condotte sospette. Nell’anno appena concluso, le segnalazioni giunte da dentro le amministrazioni ministeriali sono state, infatti, appena 106.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it