Nord Corea: Pyongyang a Usa, no a dialogo neanche tra 200 anni

Nord Corea: Pyongyang a Usa, no a dialogo neanche tra 200 anni
Gerd Altmann / pixabay.com 

La Corea del Nord definisce le nuove sanzioni americane "un atto di guerra" e afferma che non dialogherà "mai direttamente con l'amministrazione Usa, neanche tra 100 o 200 anni". Così un portavoce del governo nordcoreano ha risposto agli "attacchi assurdi, imperdonabili e diffamanti" del vicepresidente Usa Mike Pence, che durante la sua visita in Corea del Sud in occasione delle Olimpiadi invernali, ha parlato di "regime dittatoriale". Come "assurdi" sono stati definiti dal portavoce gli "attacchi" di Pence alla delegazione nordcoreana presente ai Giochi e alla sorella del leader Kim Jong-un, Kim Yo-jong.
    "In nessun momento mendicheremo un dialogo" con l'amministrazione di Donald Trump, "non vogliamo contatti con chiunque aggredisca la dignità del nostro governo e del nostro leader supremo. Non parleremo mai direttamente con queste persone, né tra 10 né tra 200 anni", ha avvertito il portavoce. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it