Molestie: accuse al direttore della Metropolitan Opera New York

Molestie: accuse al direttore della Metropolitan Opera New York
Miguel MEDINA / AFP 
James Levine (Afp) 

Il direttore d'orchestra americano James Levine è l'ultima personalità dello show-business Usa a essere accusata di molestie sessuali. Levine, direttore ad honorem della Metropolitan Opera di New York, è accusato di avere abusato di un'adolescente negli anni '80. Secondo quanto riportano il New York Post e il New York Times, la donna che ha denunciato i fatti, al momento anonima, ha dichiarato alla polizia dello stato dell'Illinois che le presunte molestie risalgono all'inizio del 1985, quando la ragazza aveva 15 anni e il direttore d'orchestra 41, e sarebbero proseguite fino al 1993. "Siamo profondamente turbati dagli articoli di stampa" ha fatto sapere la Metropolitan Opera, aggiungendo di voler avviare una inchiesta per "determinare se le accuse sono vere e al fine di prendere le misure appropriate". 

L'accusa nei confronti di Levin non possono essere oggetto di inchieste giudiziarie in quanto l'eventuale reato sarebbe prescritto. Nel 2016, un rapporto della polizia aveva riferito di queste accuse, ma "James Levine aveva affermato che erano totalmente false e noi ci siamo fidati delle indagini della polizia", aggiunge la direzione della Metropolitan Opera. Secondo il New York Post, il pubblico ministero locale non avrebbe rilevato alcun addebito nei confronti di Levin. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it