Migranti: Ue stanzia 90,5 milioni per Africa, 29 milioni in Libia

Migranti: Ue stanzia 90,5 milioni per Africa, 29 milioni in Libia

La Commissione europea ha approvato 3 nuovi programmi relativi alla migrazione nel Nord Africa stanziando 90,5 milioni dal Fondo fiduciario (Trust Fund) per l'Africa, dopo l'impegno del Consiglio europeo a intensificare gli sforzi lungo la rotta del Mediterraneo centrale. I nuovi programmi dovrebbero incrementare l'assistenza dell'Ue ai rifugiati e ai migranti vulnerabili e migliorare la capacita' dei paesi partner di gestire meglio le loro frontiere. Nello specifico, il primo programma riguarda la gestione delle frontiere per la regione del Magreb. Con una dotazione di 55 milioni di euro, l'Ue sosterrà gli sforzi delle istituzioni nazionali in Marocco e in Tunisia volti a ridurre le perdite di vite umane in mare, migliorare la gestione delle frontiere marittime e combattere i trafficanti che operano nella regione. Questo programma sarà attuato dal ministero dell'Interno italiano, di concerto con il Centro internazionale per lo sviluppo delle politiche migratorie (ICMPD) e verterà sul consolidamento della capacita' e sulla fornitura e la manutenzione di attrezzature. Il secondo programma mira a rafforzare il sostegno Ue per la protezione dei rifugiati e dei migranti in Libia presso i punti di sbarco, nei centri di trattenimento, nelle aree desertiche isolate nel sud del paese e nelle città. Il cosiddetto "Approccio integrato alla protezione e all'assistenza emergenziale ai migranti vulnerabili e rimasti bloccati in Libia", del valore di 29 milioni di euro, sarà attuato in collaborazione con l'Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) e l'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), promuovendo le iniziative volte a sviluppare le opportunità economiche per i migranti nel mercato del lavoro interno. Il terzo programma, da 6,5 milioni di euro, rafforzerà l'assistenza ai migranti vulnerabili in Marocco.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.