Migranti, Gentiloni: "Minacciare i nostri vicini non ci protegge"

Migranti, Gentiloni: "Minacciare i nostri vicini non ci protegge"
Foto:Riccardo De Luca / AGF
Paolo Gentiloni (AGF)

"Siamo amici dei nostri vicini, siamo riusciti a controllare le partenze gestite dai trafficanti con la collaborazione dei nostri vicini riducendo dell"80 per cento gli sbarchi. Attaccando i nostri vicini non garantiamo la sicurezza del nostro Paese. Non vogliamo un'Italia in cerca di guai, con parole minacciose rivolte ai nostri vicini; chiudersi non ci protegge". Cosi' l'ex presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, oggi a Ragusa con il candidato sindaco del Pd Peppe Calabrese, torna sulla questione migranti, dopo le parole del del ministro dell'Interno e vicepremier Matteo Salvini che, nella sua recente visita a Pozzallo, aveva espresso preoccupazione per gli arrivi di migranti dalla Tunisia.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it