Migranti: Minniti, 70% arrivi in meno negli ultimi cinque mesi

Gli arrivi di migranti in Italia sono diminuiti del 70% negli ultimi cinque mesi, secondo il ministro dell'Interno, Marco Minniti. "I numeri sono non definitivi ma incoraggianti: quest'anno abbiamo avuto il 34% in meno di arrivi rispetto all'anno scorso, il 70% in meno negli ultimi cinque mesi. E questo ci consente di affrontare in modo piu' ragionato l'accoglienza senza l'affanno dell'approccio emergenziale", ha detto Minniti a un convegno organizzato dalla commissione parlamentare d'inchiesta su sicurezza e degrado delle periferie . "Ieri - ha ricordato il ministro - 265 sindaci campani di vari partiti, a pochi mesi dalle elezioni, hanno firmato un patto per l'accoglienza diffusa: se ogni territorio prende un numero ridotto di migranti riusciamo a tenere assieme i diritti di chi accoglie e di chi viene accolto. Numeri piccoli, diffusi sul territorio, evitano i muti di diffidenza e consentono di fare delle vere politiche di integrazione e, quindi, di sicurezza". "Abbiamo visto - ha continuato Minniti - che gli autori di molti degli attentati avvenuti in Europa non venivano da altri Paesi ma dalle periferie delle grandi città. E' un campanello d'allarme: noi nel nostro Paese abbiamo un'immigrazione relativamente giovane e se non c'è equazione tra immigrazione e terrorismo, c'è sicuramente un rapporto tra terrorismo e integrazione: un Paese non attento a queste cose non è attento al suo presente e al suo futuro". 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it