Migranti: Galantino, da politica ridotti a merce elettorale

Migranti: Galantino, da politica ridotti a merce elettorale

(AGI) - CdV, 9 gen. - "Dalla politica il tema delle migrazioni e' ridotto al massimo a merce elettorale". Lo ha denunciato il vescovo Nunzio Galantino, segretario generale della Cei, che ha presentato oggi la Giornata Mondiale del Migrante che si celebrera' domenica in tutte le diocesi italiane e Papa Francesco presiederà in San Pietro. "Manca un punto di vista sereno", ha osservato il presule per il quale "non e' vero che la Chiesa sia isolata nella sua difesa dell'accoglienza dei migranti e profughi che altri vogliono respingere indietro". "Anzi. Un domani, rileggendo la storia alcuni diranno la Chiesa dove era? Che faceva, mentre la gente moriva e non solo nel Mediterraneo, perchè forse più ancora di quelli che affogano, ci sono quelli che cadono nel deserto, nei viaggi verso l'imbarco?". Rispondendo ai giornalisti, Galantino ha voluto rispondere esplicitamente "a chi dice che questo tema non paga". "A me - ha raccontato - l'hanno detto chiaro chiaro: 'lascia perdere, la gente su questo non vi segue'. Invece non è così. Con buona pace di chi dice che il tema paga poco, io osservo al contrario che se c'è un segnale è nella direzione opposta, basterebbe guardare andamento delle offerte per la Campagna liberi di partire liberi di tornare, che sono in aumento costante". "Se questi sono i dati vogliamo farcene una ragione che è evangelico", ha domandato Galantino. (AGI)



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it