Grecia: migliaia in piazza per un nome, "La Macedonia è greca"

Grecia: migliaia in piazza per un nome, "La Macedonia è greca"
Foto: LOUISA GOULIAMAKI / AFP
Manifestazione per difendere l'appartenenza della Macedonia alla Grecia

Migliaia di greci - sfiancati dalla crisi e dai debiti, individuali e nazionali - scendono in piazza, uniti come opliti, per difendere un nome che è il simbolo dell'eredità di Alessando Magno. "Giù le mani dalla Macedonia" e "La Macedonia è greca" sono solo due degli slogan urlati dai manifestanti che, confluiti oggi in piazza Syntagma ad Atene, potrebbero aumentare di numero fino ad almeno un milione (nelle attese degli organizzatori della protesta.
A spingere la folla in strada, questa volta, non sono il debito greco con i creditori internazionali e le condizioni imposte dai governo per poterlo sanare, ma qualcosa che i greci ritengono altrettanto importante, e che rischia di infiammare i Balcani, una regione che non ha più raggiunto la stabilità dal tempo della guerra civile nella ex Jugoslavia. La rabbia, sulla quale soffiano l'estrema destra e le fazioni nazionaliste, è rivolta verso una contesa con Scopje, capitale dell'Ex Repubblica Yugoslava di Macedonia, nata delle ceneri dello Stato guidato da Tito e oggi accettata all'Onu con lo sterile acronimo 'Fyrom' ( former Yugoslav Republic of Macedonia). 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it