Fisco: Cgia, da scudi e condoni incassati 131,8 mld in 45 anni

Negli ultimi 45 anni tra scudi, concordati, sanatorie, condoni e altro, l’erario ha incassato 131,8 miliardi di euro (valori rivalutati al 2017). E' quanto rileva l’Ufficio studi della Cgia. Considerando i gettiti delle singole misure attualizzate al 2017, l’operazione più  “vantaggiosa” per le casse dello Stato è stata la sanatoria fiscale introdotta nel 2003 che ha permesso al fisco di riscuotere 34,1 miliardi di euro.
    Altrettanto significativo, spiega la Cgia in una nota, è stato quello fiscale-valutario che nel 1973 ha aperto la lunga stagione dei condoni nel nostro paese; questa misura, avviata prima della riforma fiscale che ha introdotto l’Irpef, ha consentito di incassare 31,6 miliardi. Anche le sanatorie applicate negli anni ’80 sono state particolarmente “generose”: tra il condono fiscale e quello edilizio intercorsi tra il 1982 e il 1988, lo Stato ha beneficiato di 18,4 miliardi. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it