Estorsioni: 'pizzo' su recupero opere arte Nebrodi, 3 arresti

Estorsioni: 'pizzo' su recupero opere arte Nebrodi, 3 arresti

La famiglia mafiosa di Mistretta (Messina) voleva imporre il 'pizzo' sul recupero delle sculture della 'Fiumara d'arte', parco culturale che ospita opere di molti artisti alle pendici dei monti Nebrodi. I carabinieri di Messina hanno arrestato questa mattina 3 persone ad altre 11 hanno notificato provvedimenti di obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria emessi dal Gip di Messina su richiesta della Dda guidata dal procuratore Maurizio De Lucia. Tentata estorsione in concorso aggravata dal metodo mafioso e trasferimento fraudolento di valori sono le accuse contestate dal giudice al termine di un'indagine avviata nel 2015, dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Messina e coordinata dai sostituti procuratori Angelo Cavallo e Vito Di Giorgio nei confronti del clan di Mistretta. A condurre il tentativo estortivo, secondo l'accusa, un consigliere comunale di Mistretta, tuttora in carica, in concorso con altri due soggetti, di cui uno già destinatario di un provvedimento di sequestro dei beni perchè legato a Cosa nostra palermitana, in particolare al mandamento di San Mauro Castelverde. Vittime due imprenditori edili, aggiudicatari dell’appalto da circa un milione di euro indetto dal Comune di Mistretta con fondi europei per la riqualificazione dei 12 siti ove sono installate le opere d’arte contemporanea del percorso culturale “Fiumara d’Arte”.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it