Camorra: omicidi e bombe a Scampia, 8 arresti

Camorra: omicidi e bombe a Scampia, 8 arresti

Individuati mandanti e autori di omicidi di camorra durante la faida di Scampia del 2012. I carabinieri a Napoli hanno dato esecuzione a una misura di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip partenopeo a carico di 8 persone accusate a vario titolo di reati aggravati da finalità mafiose che vanno da omicidi a lesioni personali aggravate e alla detenzione e porto illegale di armi e munizioni e bombe  a mano. Il provvedimento riguarda il boss Arcangelo Abbinante, e figure di spicco quali Salvatore Baldassarre, Ciro Barretta, Antonio Bastone, Raffaele Mincione, Giuseppe Montanera, Pietro Polverino e Anna Ursillo.

Ricostruiti alcuni agguati che caratterizzarono la faida tra il gruppo della Vanella Grassi e il cartello degli Abete-Abbinante-Notturno, entrambi attivi nella gestione delle piazze di spaccio di Scampia. Terreno di scontro, il predominio sul lotto G, un insediamento di edilizia popolare all’epoca sotto il controllo della Vanella Grassi. La faida è stata segnata da 27 omicidi. Due quelli chiariti dall'indagine dell'Arma. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it