Broker pavese ucciso in Messico. "Punito perchè ladro"

Broker pavese ucciso in Messico. "Punito perchè ladro"

Il cadavere di un italiano, un intermediario finanziario che abitava a Pavia, è stato ritrovato in un sacco di plastica a Tlaltizaplan, una cittadina a circa 100 chilometri da Città del Messico. La vittima, Alberto Villani, di 37 anni, è stata uccisa con due colpi di revolver alla testa. Lo riporta 'La Provincia Pavese' secondo la quale accanto al cadavere dell'uomo, è stato ritrovato un cartello con la scritta in spagnolo: "Questo mi è successo per essere un ladro". La Polizia messicana non è in grado di avanzare ipotesi sull'omicidio del broker che era spesso in viaggio per lavoro. Il corpo di Villani è stato trovato il 26 marzo e l'ultimo contatto con la convivente, una donna originaria di El Salvador, con cui viveva a Pavia era stato il 20. E' stata lei ad allertare la Questura attivando le ricerche. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it