Appalti G8: condannati Balducci e Anemone, assolto Bertolaso

Appalti G8: condannati Balducci e Anemone, assolto Bertolaso 
Foto: Serena Campanini / AGF 
La ex sede Nato ristrutturata per il G8 poi spostato a L'Aquila 

Quattro condanne per associazione a delinquere, tra cui Angelo Balducci e Diego Anemone, 12 tra assoluzioni e prescrizioni, compreso l'ex capo della Protezione civile, Guido Bertolaso, assolto "perché il fatto non sussiste". Queste le decisioni del Tribunale di Roma al processo sugli appalti del G8 della Maddalena nel 2009, poi trasferito a L'Aquila, e per la realizzazione di opere pubbliche in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia. Tra le condanne spiccano quelle a sei anni e sei mesi l'ex presidente del Consiglio superiore dei lavori pubblici, Angelo Balducci, e a sei anni per l'imprenditore Diego Anemone. Quattro anni per corruzione al generale in pensione della Finanza (ex Sisde e Aisi) Francesco Pittorru, e quattro  anni e mezzo l'ex provveditore alle opere pubbliche della Toscana, Fabio De Santis. "Assolto perché il fatto con sussiste nonostante la richiesta di prescrizione: questo vale come una doppia assoluzione", ha commentato Bertolaso su Facebook.Tra le posizioni prescritte quella di Daniele Anemone, fratello di Diego. Assolti tra gli altri Maria Pia Forleo, ex funzionaria della presidenza del Consiglio, e Claudio Rinaldi, ex commissario dei mondiali di nuoto a Roma. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it