Allarme sicurezza pc, per una 'falla' nei chip a rischio quelli degli ultimi 10 anni

Intel, Amd e Arm, i tre colossi Usa, che sono il sinonimo di microchip a livello globale, sono corsi ai ripari per porre rimedio a una grave falla ai sistemi di sicurezza di tutti i processori, cioe' le apparecchiature da cui dipendono tutti i pc prodotti negli ultimi 10 anni. La grave falla, secondo quanto rivela il Financial Times, potrebbe essere sfruttata dagli hackers per introdursi nei sistemi criptati dei big dell'high tech e ottenere informazioni riservate come password e un certo numero di dati sensibili. Intel sta lavorando ai chip dei server e dei pc, Amd a quelli degli smartphone. "Non è un problema che riguarda un'unica compagnia - rivela Steve Smith, esperto di Intel- ma di approccio generale". "Se Intel, AMD and ARM sono colpite - spiega al Ft Beau Woods, esperto di cyber sicurezza della Atlantic Council - stiamo parlando di qualcosa che riguarda il sistema che gestisce i pc prodotti nel mondo da 10 anni a questa parte". Intel fa sapere di stare lavorando a mutamenti che riguardano una combinazione di hardware e software per risolvere il problema. Ieri sera Forbes aveva rivelato che il "patch" (in inglese "rattoppo/aggiornamento") potrebbe rallentatare le performance della Cpu (il cuore dei computer) tra il 5 ed il 30%. I primi cambiamenti si sono visti nelle ultime versioni di Linux. Microsoft ci sta lavorando per Windows. Apple per ora tace.
    Forbes alimenta anche un sospetto: che i vertici di Intel sapessero da tempo del difetto e cita il caso dell'Ad della societa', Brian Krzanich, che a meta' dicembre possedeva 495.743 azioni della di Intel e all'improvviso ha venduto tutte quelle possibili, restando con le sole 250.000 che e' obbligato per statuto a possedere.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it