Vanzina riparte da Totò con la 'premiata ditta' Salemme-Buccirosso

A Roma, Napoli e Torino le riprese di 'Caccia al tesoro', film ispirato al film del 1966 di Dino Risi

Vanzina riparte da Totò con la 'premiata ditta' Salemme-Buccirosso
 foto film 'Caccia al tesoro' di Carlo Vanzina
 Carlo Buccirosso Chiristiane Filangieri Vincenzo Salemme e Serena Rossi

I fratelli Vanzina ripartono da Totò e si affidano alla 'premiata ditta' Salemme & Buccirosso. I più importanti fratelli della commedia italiana hanno iniziato il 29 maggio a Roma le riprese (che proseguono a Napoli e poi a Torino) dell’ultimo film scritto da Enrico e Carlo e diretto da quest’ultimo, ‘Caccia al tesoro’. La pellicola, che inizialmente doveva intitolarsi ‘La banda dei miracoli’, è una sorta di 'Operazione San Gennaro’ (film del 1966 di Dino Risi con Totò e Nino Manfredi). Ospite col fratello in Agi del format in diretta web ‘Viva l’Italia’, Carlo Vanzina ha raccontato che proprio da quella pellicola di 50 anni fa è partito per questo suo progetto e ha deciso di affidarsi a Vincenzo Salemme e Carlo Buccirosso, “due attori che vengono dal teatro di Eduardo De Filippo” in un film i cui “meccanismi sono però quelli di un film di Totò e che – assicura - sarà molto divertente”.

La premiata ditta Salemme & Buccirosso

E proprio i due attori campani (per la prima volta insieme in un film non diretto da Salemme) sono la novità di questo film e, forse, la sua forza. Sarà tutto da vedere come i Vanzina sapranno sfruttare la potenza comica della coppia che, quando Salemme girava per i palcoscenici italiani con la sua compagnia (oltre a lui e Buccirosso c’erano anche Maurizio Casagrande e Nando Paone), faceva venire giù il teatro. E a Roma ancora ci ricordiamo quando il Piccolo Eliseo non riusciva a contenere gli spettatori che volevano assistere alla messa in scena di ‘E fuori nevica’ (poi portato al cinema dal regista e attore di Bacoli) e di ‘Premiata Pasticceria Bellavista’.

Par approfondire: Vincenzo Salemme: "Nel cinema funzionano le storie semplici"

Salemme Buccirosso e Paone in 'E fuori nevica'

La prima volta (insieme) con Carlo Vanzina

Vincenzo Salemme e Carlo Buccirosso sono diventati, negli ultimi vent’anni, due degli attori preferiti dai Vanzina con i quali hanno girato, senza incontrarsi mai, entrambi 5 film. Inevitabile, quindi, che il sesto li vedesse finalmente insieme. In una pellicola che Enrico Vanzina ha sottolineato che si  tratta di “un film comico, non una commedia”, ribadendo la confusione che oggi impera tra i due generi. E chi meglio della premiata ditta Salemme & Buccirosso per un film che faccia ridere scritto pensando a Totò? Se poi si aggiunge anche quel talento naturale che risponde al nome di Max Tortora, i motivi per l’ottimismo ci sono tutti. Sul set di ‘Caccia al tesoro’, le cui riprese sono iniziate lunedì 29 maggio a Roma, ci sono anche Christiane Filangieri, Serena Rossi e il piccolo Gennaro Guazzo. Prodotto e distribuito da Medusa Film e realizzato da International video 80, il film uscirà nelle sale a novembre 2017.

Sinossi di ‘Caccia al tesoro’ 

E’ la storia di Domenico Greco (Vincenzo Salemme), sfortunato attore teatrale che naviga nei debiti e vive a sbafo in casa della cognata Rosetta (Serena Rossi), vedova di suo fratello, che ha un figlio di nove anni malato di cuore. L’unico modo per salvarlo sarebbe operarlo in America, ma l’operazione costa 160 mila euro. Disperati, vanno a pregare San Gennaro chiedendo un miracolo. E San Gennaro risponde… dando loro il via libera per “prendersi” uno dei gioielli della sua Mitra custodita insieme al famoso Tesoro nella cripta della chiesa. In realtà sono le parole di un parcheggiatore che rimbombano nella navata e che Domenico e Rosetta scambiano per quelle di San Gennaro.

Insieme a Ferdinando (Carlo Buccirosso), Cesare (Max Tortora) e Claudia (Christiane Filangieri), parte una “Caccia al Tesoro” che li porterà da Napoli, a Torino, fino a Cannes in Costa Azzurra. Entrano in scena poliziotti, rapinatori professionisti, camorristi e mercanti d’arte, in una girandola di situazioni esilaranti con cifra comica e anche umana nella tradizione della commedia all’italiana.