Quattro gravidanze su dieci arrivano ancora per mancanza di precauzioni

Le  millenials sono disinformate sulla sessualità, sulla contraccezione e sulla salute sessuale, più o meno come lo erano le loro madri e le loro nonne. I dati di una ricerca europea

Quattro gravidanze su dieci arrivano ancora per mancanza di precauzioni

Anche quest’ anno la Federazione Italiana di Sessuologia Scientifica (FISS) ha organizzato la Settimana del Benessere Sessuale, programmata in tutta Italia dal 1 al 6 Ottobre 2018: diversi professionisti, medici, psicologi ed educatori, con una formazione in sessuologia clinica, metteranno a disposizione le loro conoscenze e competenze per chiunque volesse approfondire temi, aspetti, curiosità e difficoltà riguardo la sessualità ed il benessere sessuale.

La tematica prescelta di questo anno è la contraccezione e la diffusione delle infezioni  sessualmente trasmissibili, argomento che di recente sta richiamando l'attenzione di specialisti, per le evidenze riscontrate, soprattutto in Italia, dove 1 ragazzo su 10 non usa il preservativo né alcun tipo di contraccettivo. Questo  dato  la dice lunga, purtroppo,  sulla disinformazione e sulla diseducazione.

Secondo i risultati di una ricerca internazionale condotta dalla casa farmaceutica Bayer in 9 paesi europei, tra cui l'Italia, su un campione di 9 mila donne tra i 21 ed i 65 anni, il 41 per cento delle gravidanze arrivano fuori pianificazione e il 25 per cento senza alcuna precauzione. Le giovani di oggi, le cosiddette milllenials, sono disinformate sulla sessualità, sulla contraccezione e sulla salute sessuale, più o meno come lo erano le loro madri e le loro nonne, anche se ad oggi, parlare di sesso tra coetanee non è più un tabù,  disponendo tra l’altro di svariate fonti sulle quali potersi informare correttamente.

I dati del questionario online diffuso dalla FISS nel periodo aprile luglio 2018 ci dicono che il 56,61 per cento usa “abitualmente” i metodi contraccettivi, al contrario di un 20 per cento che risponde con un secco “mai”. Il restante del gruppo indagato si  affida alla sorte, con un 9,29 per cento che se ne ricorda “talvolta, a seconda delle situazioni”.

La Settimana del Benessere Sessuale, arrivata alla sua V° edizione,  si propone l’obiettivo di divulgazione, informazione e promozione della salute sessuale e dei modi in cui prendersene cura, attraverso conoscenze scientifiche e scelte consapevoli.

Sul sito della FISS (www.fissonline.it) e sulla pagina Facebook della Settimana del Benessere Sessuale è possibile consultare le locandine dei vari eventi organizzati in tutta Italia e i contatti dei professionisti che offrono una prima consulenze sessuologica gratuita.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.