Salute

  • Una laurea in scienze politiche e in tasca una tessera da giornalista: non avevo pensato che mi sarei occupata di medicina. Invece da 7 anni sono direttore di una testata giornalistica on line, Osservatorio Malattie Rare (per gli amici Omar), circa 7000 lettori al giorno e oltre 20.000 iscritti alla newsletter. 

     

  • Pugliese, 44 anni, docente in anestesiologia e rianimazione presso l’Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. Fondatore e Direttore del Laboratorio di Medicina Critica Traslazionale (TrancriLab) della Scuola Superiore Sant’Anna ed ideatore della ristoceutica, un neologismo sincratico da’’ristorazione’’ e’’nutraceutica’’. Si dedica all’innovazione nella protezione perioperatoria di organi vitali.

     

Il sangue sicuro non è scontato

Lo ricorda l'Organizzazione mondiale della Samità, secondo cui se si riceve un pagamento o si dona per una persona in particolare, ad esempio un parente, è possibile che si scelga di nascondere eventuali fattori di rischio

Attenzione: il colesterolo Hdl non protegge contro l'arteriosclerosi. Anzi

Una proteina rilasciata dai polmoni, SP-B (proteina del surfattante polmonare B), indica la presenza di scompenso cardiaco, ne predice la prognosi e, soprattutto, è responsabile dell’aggravarsi della malattia. Lo abbiamo scoperto in uno studio pubblicato sull’ultimo numero dell’International Journal of Cardiology

La terapia genica e la brutta storia del 'farmaco più costoso'

La terapia genica è uno degli approcci terapeutici più avanzati, questa – nello specifico - va fatta una solo volta nella vita. È il trionfo della ricerca, una vittoria enorme per i pazienti americani. Ma in Italia i titoli (sbagliati nel merito) dei media sono stati sul costo della dose di un farmaco importantissimo

Non ci si ammala di cancro per caso o per sfortuna

Le alterazioni geniche alla base dello sviluppo dei tumori sono sempre provocate dall'ambiente esterno alla cellula. Lo conferma uno studio dell’Istituto Europeo di Oncologia, pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature Genetics

Gli stimoli elettrici che ci consentiranno di parlare con la mente

In un lavoro pubblicato sulla rivista Nature, il gruppo di ricercatori dell’università di San Francisco ha messo in campo il meglio della neurochirurgia computazionale con la bioingegneria informatica per realizzare un sistema capace di leggere il pensiero legato all’emissione di parole, per poi tradurlo in un messaggio vocale elettronico