La nuova Cina innovatrice e quella app per applauditori del leader

Il colosso delle telecomunicazioni Tencent ha lanciato il gioco per smartphone: in 24 ore già un miliardo di applausi. Chissà se basteranno a far sì che l’amministrazione del cyberspazio cinese perdoni Tencent per non aver fatto abbastanza per fermare la diffusione di contenuti vietati su WeChat

La nuova Cina innovatrice e quella app per applauditori del leader

Sono i giorni del congresso del partito comunista cinese e i giornali di tutto il mondo hanno raccontato e spesso lodato il leader Xi Jinping, la sua visione moderna della Cina, aperta al mondo e vocata all’innovazione per creare prosperità per tutti. La tecnologia e le startup sono uno dei pilastri della strategia cinese. E i successi su questo fronte sono già evidenti.

La nuova Cina innovatrice e quella app per applauditori del leader
 Congresso del Pcc 

Poi ci sono dei dettagli che ti ricordano improvvisamente di cosa stiamo parlando davvero, e che Baidu non è Google, e WeChat non è Facebook. Il dettaglio è una app appena rilasciata per il congresso del partito comunista. È un videogioco realizzato da Tencent, colosso cinese delle telecomunicazioni. Il gioco consiste nel rivedere alcuni dei passaggi fondamentali del torrenziale discorso del leader, oltre tre ore!, e applaudire vigorosamente toccando lo schermo con un dito. Ci sono 19 secondi per applaudire, poi sullo schermo appare il risultato, il numero di applausi e come questo risultato posizione il giocatore nella classifica generale degli applauditori del leader. Per applaudire di più, è stato scoperto, basta usare più dita, l’ideale è picchiettare lo schermo con tutte e cinque le dita di una mano come se si stesse suonando il pianoforte.

Come sta andando? Piuttosto bene, secondo Tencent: in 24 ore sono stati generati un miliardo di applausi. Chissà se basteranno a far sì che l’amministrazione del cyberspazio cinese perdoni Tencent per non aver fatto abbastanza per fermare la diffusione di contenuti vietati su WeChat (pornografia, notizie false e critiche politiche). Intanto agli utenti di WeChat è stato comunicato che in questi giorni congressuali non è possibile aggiornare i loro profili per non meglio precisati problemi tecnici. Non gli resta che applaudire. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it