EstaTech: la valigia che si guida da sola

Parliamo di vacanze e tecnologia, di gadget "irrinunciabili". Presto non trascineremo più i nostri pesantissimi bagagli in viaggio. Ci seguiranno. Sul mercato ci sono già due modelli: uno americano e uno cinese, che hanno raccolto milioni di dollari di investimenti e migliaia di ordini. 

estate tecnologia valigia che si guida da sola

L’auto che si guida da sola non è ancora arrivata sulle nostre strade. La valigia che si guida da sola sì. Da lontano è identica ad una normale valigia, ma è dotata di sensori e un sistema di intelligenza artificiale che le consentono di muoversi da sola e di seguirti ovunque tu vada saltando ostacoli fisici o persone.

Sul mercato ce ne sono due, una americana e una cinese. La prima si chiama Travelmate, ma in realtà è dotata di un sistema di riconoscimento vocale  per cui la puoi chiamare come ti pare, anche Pippo e Paperina, e lei si accende. Travelmate è stata sviluppata da una società di robotica di San Francisco lo scorso anno, ha raccolto quasi 800 mila dollari di ordini in rete tramite la piattaforma Indiegogo, ed è sul mercato con tre modelli che variano in dimensioni, ad un prezzo che va da 1.099 a 1.495 dollari (consegna gratuita in tutto il mondo).

Sono tanti soldi per una valigia che si guida da sola, ma una Travelmate in realtà ha anche un gps che la identifica su una mappa, un antifurto, una connettività bluetooth per collegarla ad una app del telefonino, e una bilancia interna in modo da non superare mai i limiti doganali.

 

Il competitor di Travelmate è cinese: si chiama Ovis, è stato sviluppato dalla ForwardX Robotics di Pechino (ma con uffici in California): il fondatore è un ingegnere specializzato in robotica, Nicholas Chee, 37 anni, che prima di Ovis aveva sviluppato un carrello che si muove da solo in un magazzino.

Ovis ha raccolto 10 milioni di dollari da due investitori, e un altro milione tramite Indiegogo dove è in corso una campagna che consente di comprare l’unico modello a 399 dollari (invece degli 898 del prezzo ufficiale). Consegna entro fine anno.

Insomma l’era della valigia che si guida da sola sta arrivando: presto non trascineremo più i nostri pesantissimi bagagli in viaggio. Ci seguiranno. Nel frattempo, se volete rendere un po’ più smart la vostra vecchia valigia con pochi euro, in rete potete comprare dei sensori, collegati al telefonino, da infilare tra i vestiti. Non muovono la valigia, ma se ve la rubano almeno saprete dove sta.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it