Puro colore, pura forma

Prima mostra monografica in Italia per Wolfram Ullrich. Venti lavori in acrilico su acciaio di grandi, medie e piccole dimensioni, tutti realizzati appositamente per l’esposizione milanese.

Puro colore, pura forma

Si dichiara pittore senza esitazione anche se materia e tridimensionalità sono parti rilevanti nelle sue opere. È però il colore, senza dubbio, a dare la temperatura e il carattere dei lavori di Wolfram Ullrich, artista tedesco che si presenta in Italia con la sua prima mostra monografica, curata da Matteo Galbiati e realizzata alla Dep Art Gallery.

E l’esordio non poteva avvenire in un luogo più adatto. La galleria milanese sembra fatta apposta per esaltare le peculiarità delle opere esposte. Il candore delle pareti e l’illuminazione sapiente penetrano nelle opere e ne esaltano la cromia rendendo palpitante l’energia profusa.

Puro colore, pura forma
Le opere di Wolfram Ullrich esposte alla galleria Dep Art di Milano

Un’energia che duetta con le forme, astrazioni geometriche tridimensionali composte da segmenti in acciaio sulla cui superficie l’artista applica il colore acrilico in velature successive. Le campiture sono piatte e il colore puro è in dissonanza con lo spessore delle forme che genera profondità e ombre. Ombre sulle pareti che si muovono con il movimento dell’osservatore, mentre il colore resta immobile, algido eppure ipnotico.

I lavori di Ullrich sono complessi, vivi, dinamici, le sue incoerenze prospettiche portano lo spettatore a un costante aggiustamento della percezione che genera un dialogo vitale con l’opera e una ridefinizione dello spazio.

“Nella pittura figurativa, soprattutto in quella classica, rinascimentale  – afferma Ullrich – lo spettatore era sempre padrone dello spazio che aveva di fronte: lo riconosceva, lo misurava, lo comprendeva nella sua interezza. Nella pittura astratta è diverso. Guardando le mie opere lo spettatore è disorientato, perde gli ancoraggi percettivi.”

Puro colore, pura forma
Un'opera di Wolfram Ullrich 

Di fronte alle opere di Ullrich lo spettatore è ‘costretto’ a prendere parte al gioco di ridefinizione della spazialità, una spazialità – tra l’altro – non più oggettivata, ma in cui il soggetto è elemento attivo di determinazione e partecipe.  

I lavori esposti hanno forme varie: sequenze di parallelepipedi in fuga, ovali aggettanti e rotanti, poliedri prospettici in torsione, parallelepipedi in disallineamento sfuggente. I colori sono il bianco ottico, il blu oltremare, l’azzurro, il rosso, il nero, il giallo, il celeste, il rosa, il fucsia…. Ogni opera – nella singolarità o nella pluralità dei suoi elementi – vive autonoma, ma non silenziosa. Le vibrazioni corrono sulle pareti da un’opera all’altra e l’intera esposizione appare elegantemente concertata per un potente finale effetto corale.    

WOLFRAM ULLRICH. PURO COLORE, PURA FORMA

Galleria Dep Art

Via Comelico, 40 - Milano

21 giugno – 29 settembre 2018

 

 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it