Social e web fondamentali per migliorare la trasparenza della Pa

Ora siamo in una fase di passaggio in cui dall’approccio empirico ci stiamo spostando verso una  gestione ragionata dei diversi canali, differenziando i contenuti in base agli strumenti

Social e web fondamentali per migliorare la trasparenza della Pa

Il Comune di Montelupo Fiorentino è fra i primi ad aver deliberato l’iscrizione all’associazione PA Social, come ente e non come professionista o rappresentante politico. Abbiamo compiuto  questa scelta perché ci sembra importante e altamente simbolico aderire come comune e non solo come sindaco o professionisti coinvolti nella comunicazione.

Per me ciò significa ribadire il valore che rivestono per questa amministrazione principi fondamentali quali la chiarezza, l’ immediatezza della comunicazione e soprattutto il tentativo di semplificare sempre più il rapporto fra pubblica amministrazione e cittadini.

Tutto ciò con obbiettivi ben precisi:  favorire l’accesso e la partecipazione, garantire una maggiore diffusione delle informazioni e alla fine anche un maggior controllo dal basso nei confronti delle istituzioni. Tutto ciò, a mio avviso, si chiama democrazia.

Sono convinto che le nuove tecnologie e l’utilizzo dei social siano uno strumento potente per raggiungere tali obiettivi. Un solo ente tuttavia rischia di perdersi fra le tante possibilità e di essere autoreferenziale; l’adesione all’associazione permette un confronto costante e un approfondimento delle diverse problematiche.

L’iscrizione a PA Social è quindi una tappa in un percorso che abbiamo avviato ormai molti anni fa. Siamo partiti dalle fondamenta. In primo luogo abbiamo agito sulla parte organizzativa e programmatica con la costituzione di un gruppo di comunicazione ha la funzione di coordinare le attività di comunicazione e informazione dei diversi settori e che si occupa della redazione di un piano di comunicazione che dal 2011 viene approvato assieme al PEG.

Inoltre, recentemente abbiamo redatto e approvato una carta dei servizi di comunicazione che definisce strumenti, modalità, tempi e obiettivi delle azioni di comunicazione e che in appendice contiene una SOCIAL MEDIA POLICY che dettaglia modalità e condizioni di gestione dei canali social dell’ente.

Proviamo anche a misurare i risultati delle nostre attività di comunicazione, infatti ogni anno predisponiamo un questionario che proponiamo coloro che si rivolgono al nostro Ufficio Unico.

In questo contesto  sono stati attivati, con un approccio molto empirico, diversi canali social che si integrano con i siti web e gli strumenti cartacei, attualmente abbiamo a disposizione: 

  • pagina FB Comune di Montelupo (attivata nel 2011)
  • pagina Ceramica Montelupo (attivata nel 2013) e dedicata alla promozione del prodotto tipico della città
  • Due account twitter, uno a scopi promozionali incentrato sulle attività del Museo della Ceramica e uno istituzionale
  • Negli ultimi due anni poi abbiamo attivato un account Instagram “Montelupo Ceramic” e il canale Telegram.

Ora siamo in una fase di passaggio in cui dall’approccio empirico ci stiamo spostando verso una  gestione ragionata dei diversi canali, differenziando i contenuti in base agli strumenti.

Proprio per gestire questo sistema complesso e metterlo a sistema abbiamo deciso di sperimentare l’utilizzo di una piattaforma multicanale grazie alla quale gli operatori comunali possono gestire in modo efficace, sicuro e coordinato i vari strumenti disponibili (mailing, social media, messaggistica, newsletter, notifiche push, etc.).  

Se penso al futuro, quindi credo che gli obiettivi da perseguire siano: semplificare ancora di più il linguaggio al fine di raggiungere tutta la popolazione; organizzare la gestione dei diversi canali differenziare i contenuti valorizzando in particolare la comunicazione di emergenza e quella di servizio. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it