Cittadinanzattiva lancia la campagna "Ehi Futura" sui farmaci biotecnologici

L’impegno per l'accesso all'innovazione in ambito farmacologico è una delle sfide più importanti per il nostro servizio sanitario. La ricerca sta facendo passi da gigante ma non è scontato che i suoi risultati raggiungano chiunque ne abbia bisogno. 

farmaci biotecnologici campagna ehi futura

I farmaci biotecnologici, a differenza dei tradizionali che derivano da sintesi chimica, sono prodotti da sorgenti biologiche, utilizzando organismi viventi attraverso processi di produzione biotecnologica molto complessi.

Nel 1982 si cominciò a produrre il primo farmaco biotecnologico, l’insulina ricombinante, che ha rivoluzionato la cura di milioni di diabetici. Oggi questa tipologia di farmaci favorisce un maggiore accesso alle cure e offre nuove possibilità di trattamento per molte gravi malattie. Anche i vaccini sono da considerarsi farmaci biologici/biotecnologici.

Nonostante l’ampia diffusione e l’importanza che gli stessi rivestono per la cura di importanti malattie, sia di origine genetica che rara, questi farmaci sono ancora poco conosciuti ad un pubblico più ampio rispetto ai soli addetti ai lavori e ai pazienti che ne usufruiscono.

Per questo Cittadinanzattiva si è fatta promotrice, con il supporto non condizionato di Assobiotec e la collaborazione di numerose società scientifiche ed associazioni di pazienti, di una campagna di informazione dal titolo evocativo “Ehi, Futura” che è stata presentata a Roma l’11 giugno.

L’impegno per l'accesso all'innovazione in ambito farmacologico è una delle sfide più importanti per il nostro servizio sanitario. La ricerca sta facendo passi da gigante soprattutto verso la personalizzazione delle cure, nel campo della diagnosi e della terapia, ma non è scontato che i suoi risultati raggiungano chiunque ne abbia bisogno. Per Cittadinanzattiva è di primaria importanza far sì che le nuove opportunità di cura siano rispettose dei diritti dei cittadini, in termini di equità nell’accesso, qualità e sicurezza.

Con la campagna “Ehi, Futura” Cittadinanzattiva vuole diffondere l’informazione sulle opportunità offerte dai farmaci biotecnologici, affinché i cittadini possano saperne di più e superare le difficoltà di accesso a questi farmaci che ancora caratterizzano diverse aree del nostro Paese. E, a livello più generale, vuole restituire ai cittadini, come già avvenuto con “Rompi la trasmissione” sul tema dei vaccini, una rinnovata fiducia nella scienza e nell’innovazione e il diritto a poter godere dei benefici ad esse connesse.

Fra i principali strumenti della campagna, un sito web dedicato, un leaflet di informazione ai cittadini da oggi disponibile, oltre che sul sito web della campagna, anche sul sito istituzionale di Cittadinanzattiva e i video-spot.

In programma, inoltre, ad ottobre due incontri di piazza a Lamezia Terme e Ancona per fare informazione di prossimità ai cittadini, in un linguaggio semplice e diretto, attraverso la realizzazione di un micro-villaggio che prevede anche uno spazio ad hoc destinato ai bambini sul tema della scienza e della innovazione.

Grazie al lavoro congiunto con medici e organizzazioni scientifiche, si passerà inoltre, dopo l’estate, ad una fase di approfondimento che porterà alla realizzazione di un ulteriore materiale divulgativo destinato ai pazienti che già utilizzano farmaci biotecnologici per fornire loro informazioni specifiche e orientarli sui loro diritti.

Maggiori informazioni sul progetto sono disponibili qui



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.