Uno studio per valutare la resilienza della rete

Come tutte le infrastrutture, anche internet è soggetto a interruzioni del suo funzionamento. E imparare a prevenirle è sempre più importante

Uno studio per valutare la resilienza della rete

Oggi Internet rappresenta l’infrastruttura di comunicazione principale. Tutto quello che oggi facciamo passa per la rete, nella nostra attività lavorativa così come nella nostra vita privata. Comunicazioni e transazioni che fino ad ieri andavano su reti private oggi utilizzano reti basate sui protocolli di Internet. Ed è per questo motivo che lo studio della affidabilità, della robustezza, della resilienza e della sicurezza della rete Internet sono aspetti cruciali alla base dell’economia e della società moderna.

Tutti questi aspetti sono importanti infatti in quanto, così come tutte le altre infrastrutture, anche Internet è soggetta a ciò che tecnicamente va sotto il nome di “outages”, cioè interruzioni del suo funzionamento. E queste interruzioni, su larga scala, sono dovute sia ad eventi antropici (incidenti, attacchi, DDoS, etc.) sia naturali (terremoti, tsunami, uragani, etc.)   Ed è per questo motivo che in questo lavoro (che verrà pubblicato a luglio) abbiamo presentato uno studio relativo a diversi aspetti degli outage.

Analizzando la letteratura di riferimento, abbiamo studiato per più di un anno più di 200 lavori scientifici pubblicati in conferenze, riviste e libri internazionali. Abbiamo quindi caratterizzato le principali cause e le principali strategie per la rilevazione e l’analisi degli outage; così come abbiamo studiato le tecniche per la valutazione dell’impatto e l’assessment del rischio di outage di Internet. Abbiamo inoltre tassonimizzato le definizioni e le metriche per la resilienza di rete, così come le diverse tecniche proposte in letteratura per la mitigazione degli outage.  

C’è molto ancora da fare per rendere Internet più affidabile robusta e resiliente. Nel nostro lavoro descriviamo cosa è stato fatto e cosa ancora c’è da fare, delineando le linee di ricerca in questo ambito per i prossimi anni.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it