Bitcoin per la prima volta perde rispetto a 30 giorni fa. Già finita la moda? 

No. Ma la criptovaluta (o cripto-asset) su Coinbase perde del 6,9% rispetto ai 30 giorni precedenti. Lontane le vette dei 20mila, ora siamo a 12mila euro. Mentre crescono ancora, e tanto, tutte le altre

Bitcoin per la prima volta perde rispetto a 30 giorni fa. Già finita la moda? 
 Afp
 
 bitcoin
 

Non succedeva da un po'. Bitcoin negli ultimi 30 giorni ha perso. Il suo prezzo è in calo del 6,9 % rispetto ai primi di dicembre. Oggi vale 12mila euro, cifra attorno la quale tra alti e bassi oscilla da diverse settimane.

Come sempre è difficile scrivere delle righe sul prezzo di Bitcoin correndo il rischio di essere smentiti in qualche ora. O minuto. Ma il dato interessante è che dopo i picchi di dicembre, che portarono Bitcoin oltre i 20mila dollari, che videro Bitcoin fare capolino dalle prime pagine dei giornali di mezzo mondo tra scommesse di Wall Street, future, cassandre e bolle, la criptovaluta (anche se in realtà molti giornali internazionali cominciano a parlare di cripto-asset, confermando il cambio di pelle della moneta digitale creata da Satoshi Nakamoto), si è ‘assestata’, o per lo meno per la prima volta dopo le cavalcate degli ultimi mesi si è prima fermata intorno ai 15mila euro, per poi scendere fino a 9mila, poi risalire a 17,  poi scendere di nuovo.

Risultato? Ecco i primi 30 giorni in cui la moneta nel complesso ha perso. Ed è a suo modo una notizia.

Alcuni cominciano a pensare che Bitcoin sia già passato di moda. Chi scrive non lo crede, per quello che conta dirlo. Ma è vero che l’attenzione dei media (e quindi l’attenzione generale) già nelle ultime settimane hanno cominciato prima a premiare Ethereum, cresciuto tantissimo, anche nell’ultimo mese (oggi è valutato circa mille euro, più 159% negli ultimi 30 giorni), per non parlare di Ripple, che tutti hanno cominciato a conoscere nei primi giorni del 2018 come il "vero affare". "Altro che Bitcoin". Il povero, già vecchio Bitcoin, verrebbe da dire.

Piccolo effetto di un mondo bulimico di informazioni e novità. Di stimoli, come quelli che ci vengono dalle notifiche dello smartphone, che proprio non riusciamo ad evitare di guardare. Così le cripto, che sono un fattore di stress notevole (di mezzo non c’è soltanto il fatto che ci sono mille novità ogni giorno e tutto sembra cambiare in continuazione, ma che da quei pagamenti guadagnano o perdono le nostre tasche), sono già parte del circuito mediatico.

Bitcoin ha aperto la strada, ha fatto conoscere un mondo che adesso ha già nuovi arrembanti protagonisti. Che creeranno novità, migliorie alle cripto, prometteranno nuovi sistemi, nuovi modi di intendere la finanza, di gestire i propri risparmi, i propri investimenti.

Magari non è vero. Se lo fosse però Bitcoin alla fine avrà comunque compiuto il suo. E fatto una piccola rivoluzione. O un piccolo cambiamento di metodo in un mondo che in realtà appare guidato sempre dalle stesse logiche, e dagli stessi umanissimi sentimenti. Avidità su tutti.

@arcangelorociola



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.