L'emergenza migranti condiziona la giornata di news

L'emergenza migranti condiziona la giornata di news

Oggi sarà una giornata importante sul fronte dell’emergenza migranti. Ne abbiamo discusso in apertura di riunione di redazione cercando di mettere a punto i servizi sui quali lavorare. La pressione degli sbarchi non si ferma, quindi innanzi tutto i numeri: nelle ultime 48 ore 12 mila migranti sono sbarcati sulle nostre coste. Alla data attuale il numero degli ingressi in Italia fanno registrare un + 13% rispetto allo stesso periodo del 2016. Una situazione che il governo definisce “grave” e non più sostenibile, tanto da aver minacciato la chiusura dei porti alle navi straniere. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella parla di una “situazione ingestibile”, mentre il premier Gentiloni accusa i Paesi europei che “girano la faccia dall’altra parte”. Lavoreremo dunque sulle Ong straniere sentendo il loro parere e come si comporterebbero una volta che la decisione di chiudere i porti italiani dovesse diventare operativa. Focus anche sui dati di accoglienza degli altri Paesi europei, in modo di avere un quadro degli squilibri all’interno della Ue. Ovviamente la mossa del governo è anche politica e orientata ad avere risposte da Bruxelles che non siano solo dichiarazioni prive di conseguenze come è già avvenuto in passato. Per questo sarà importante seguire gli sviluppi della riunione di Berlino, dove oggi la cancelliera Angela Merkel riunisce i leader europei in vista del G20. La questione  migratoria verrà affrontata anche nel corso di un vertice bilaterale tra Merkel e Gentiloni.

Altro tema del giorno è la bufera che si è addensata sul Vaticano: il cardinale George Pell, prefetto per gli affari economici della Santa Sede, è indagato dalle autorità australiane per gravi abusi su minori. Il cardinale si proclama innocente: andrò in Australia per difendermi, annuncia. Ma intanto Papa Francesco lo ha messo in aspettativa.

Sul fronte politico non si placa lo scontro nel Pd sulla linea politica e sulla leadership del segretario Matteo Renzi. Oltre al “fuoco amico” all’interno del partito, Renzi deve fare i conti con le altre realtà del centrosinistra. Per questo c’è molta attesa per le mosse dell’ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia, che sabato porterà il suo nuovo movimento “Insieme” a Roma in piazza Santi Apostoli, la stessa dell’Ulivo.

Attenzione anche sugli sviluppi dell’inchiesta sugli incidenti del 3 giugno in piazza San Carlo a Torino.  La sindaca Chiara Appendino sarebbe indagata anche se sostiene di non aver ricevuto alcun atto formale da parte della procura.

Infine abbiamo deciso di concentrare il nostro fact-checkin quotidiano sul tema dei vaccini. Lo spunto è la polemica che ha coinvolto Adriano Zaccagnini (Mdp) e il medico Roberto Burioni sulla possibilità che i vaccinati possano trasmettere il virus.