Le 10 notizie da seguire oggi (oltre a Berlusconi). Diario di bordo

Le 10 notizie da seguire oggi (oltre a Berlusconi). Diario di bordo
Foto: ZUMAPRESS.com / AGF 
Silvio Berlusconi (AGF) 
“Pronti a risalire sul carro di Silvio”. Come spesso accade la sintesi migliore del momento politico la fa l’Huffington Post di Lucia Annunziata che mette insieme gli esponenti centristi pronti a tornare da Berlusconi con l’intervista di Alfano che annuncia la fine della collaborazione con il Pd. In questo clima la navigazione del governo Gentiloni sembra sempre più incerta anche se, scrive Il Fatto Quotidiano, c’è una importante tornata di nomine in autunno (Consob, Bankitalia, Carabinieri) che in molti vogliano gestisca l’attuale presidente del Consiglio (ergo, in qualche modo resterà a galla). 
 
Ecco le 10 cose da seguire oggi.
  • Il presidente della Repubblica Mattarella in Valtellina per il trentennale dell’alluvione.
  • Matteo Renzi a Napoli ripresenta il suo libro Avanti mentre Raffaele Cantone presenta il suo a Firenze, La corruzione spuzza. 
  • La presidente della Camera Laura Boldrini presiede la tradizionle cerimonia del Ventaglio, occasione di solito per auguri e esternazioni varie.
  • Il ministro Padoan viene ascoltato in commissione Finanze al Senato.
  • Le ministre Boschi e Fedeli a palazzo Chigi presentano i dati su come sono stati spesi i soldi per il rifacimento delle scuole.
  • Negli Stati Uniti va capito che succede dopo la sconfitta di Donald Trump sulla riforma sanitaria.
  • In Sicilia per il 25esimo anniversario della strage di via d’Amelio, corteo di bici delle “agende rosse” per ricordare il giudice Paolo Borsellino e i misteri che ancora ci sono sulla sua morte. 
  • Incendi: sviluppi, arresti, polemiche. 
  • In Vaticano, prima udienza del processo per la ristrutturazione dell’attico dell’ex segretario di Stato.
  • In Nuova Zelanda trovata una miniera d’oro in una zona protetta, la cosiddetta Montagna Sacra. 
E poi si parlerà ancora dell’ergastolo a Bossetti: la sensazione è che quella brutta storia non sia ancora finita (c’è la Cassazione del resto):