ItaliaLeaks, ecco le prime segnalazioni che denunciano mafia e malaffare

Chiunque può collegarsi con la redazione di Agi mantenendo l'anonimato e allegare documenti, foto e video. E segnalare crimini mafiosi e altre pratiche illegali. L'Agenzia pubblicherà solo ciò che potrà verificare al di là di ogni ragionevole dubbio

ItaliaLeaks, ecco le prime segnalazioni che denunciano mafia e malaffare

A pochi giorni dal lancio le prime informazioni sono atterrate su ItaliaLeaks, la piattaforma protetta che Agi ha messo a disposizione di whistleblower (denunciatore/denunciante, segnalatore/segnalante, secondo la definizione dell’Accademia della Crusca) per denunciare i crimini delle mafie e altre pratiche illegali.

Delle quattro segnalazioni arrivate, tutte rigorosamente anonime, due sono semplici ma dettagliate descrizioni di fatti, le altre forniscono anche documenti ufficiali. Tutti i fatti narrati sarebbero avvenuti nel sud Italia.

Ovviamente, per noi di Agi e per i giornalisti di altre testate che collaboreranno, inizia il lavoro vero. Tutte le informazioni saranno verificate e, se confermate, contestualizzate per ricostruire il quadro entro il quale sono maturati i fatti. I colleghi di altre testate saranno infatti invitati a partecipare al pool investigativo per arrivare il più vicino possibile alla verità dei fatti analizzati.

ItaliaLeaks, come abbiamo spiegato nell’articolo di lancio, è una piattaforma protetta che consente a chiunque di comunicare anonimamente con la nostra redazione. Gli utenti possono scrivere una descrizione dei fatti dei quali sono a conoscenza ed allegare eventuali documenti, foto e video che contribuiscano a fare luce sugli eventi narrati.

Il primo canale dedicato della piattaforma si chiama “MafiaLeaks” perché riteniamo che le cosche siano una vera emergenza nazionale e perché, in virtù della forza intimidatrice dei metodi mafiosi, è particolarmente difficile denunciarne i crimini.

Per inviare informazioni e documenti a ItaliaLeaks è necessario seguire alcune istruzioni che, grazie all’utilizzo del browser Tor e di altri accorgimenti, rendono l’anonimato e la non tracciabilità dei whistleblower particolarmente sicuri.

ISTRUZIONI PER L’UTILIZZO DI ITALIALEAKS

 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.