Diario di bordo. Lo sciopero di Malpensa avvelena l'inizio delle vacanze 

Diario di bordo. Lo sciopero di Malpensa avvelena l'inizio delle vacanze 

Cosa cambia oggi sul fronte dei migranti? Sarà più difficile soccorrerli? Le navi delle organizzazioni non governative, le ong, che non hanno firmato l’accordo con il ministero dell’Interno, non potranno più svolgere la loro missione umanitaria? Che vuol dire che “sono fuori”? Fuori da cosa? Occhi puntati sul mare che separa l’Italia dalla Libia dunque per vedere cosa succede concretamente. (Qui il video dove Save The children spiega perché ha firmato)

Ecco gli altri appuntamenti da seguire oggi.

  • I ministri Alfano e Pinotti riferiscono su LIbia e migranti alla commissioni congiunte Esteri/Difesa di Camera e Senato.
  • Alla Camera voto di fiducia sul decreto Mezzogiorno, mentre si sposta al Senato la battaglia sul disegno di legge sui vitalizi con la richiesta di una dichiarazione d’urgenza che lo metta subito in discussione (su questo Il Fatto Quotidiano costruisce la sua apertura di giornata).
  • Dopo Matteo Renzi, alla Versiliana è di scena Matteo Salvini.
  • Fincantieri, il ministro Le Maire è a Roma per incontrare i ministri Padoan e Calenda (intanto in una intervista al Corriere ha anticipato la proposta francese per Stx).
  • In Venezuela continuano le violenze, arrestato il leader dell’opposizione.
  • Negli Stati Uniti dopo la cacciata lampo di Scaramucci, che altro può succedere all’amministrazione Trump?
  • Caldo, fa caldo, non è una notizia ma quando il termometro sfiora i 40 gradi è un problema.
  • Rai, stasera alle 2030 forse il nuovo dg Mario Orfeo viene ascoltato dalla commissione parlamentare di vigilanza. Forse, perché questo appuntamento è stato cancellato più volte.

Lo sciopero improvviso degli addetti ai bagagli a Linate e Malpensa è un classico italiano per dare il benvenuto ad agosto purtroppo (qui il resoconto di Repubblica).



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it