Blog Italia

  • Romano, 51 anni, giornalista appassionato di innovazione. Fondatore di Campus, Il Romanista e Wired, per una quindicina di anni a Repubblica, ho fondato e diretto le testate online Chefuturo! e StartupItalia!, curato le prime quattro European Maker Faire, scritto il best seller "Cambiamo tutto!" (Laterza). Sono stato Digital Champion dal settembre 2014 al settembre 2016. Dal 1 ottobre 2016 al 30 giugno 2019 ho diretto l'AGI e tutti i giorni alle 13 e 57 sono su RDS per 100 secondi.

Daresti il tuo telefonino alla polizia per incastrare chi ti ha violentato?

Per trovare le prove di una violenza in Gran Bretagna è stato messo a punto una specie di “consenso informato” da far firmare alle presunte vittime per ottenere accesso al loro telefonino perché lì dentro possono essere custoditi dettagli in grado di confermare in qualche modo le accuse. Tecnicamente è vero, ma si tratta di un passaggio molto delicato che sta mettendo in allarme molte associazioni che si battono per tutelare la privacy e difendere le donne

Ad Amazon è un software a decidere chi licenziare

Un algoritmo monitora le performance di ogni lavoratore, manda richiami in caso di cali di produttività, annota il tempo trascorso non lavorando, per esempio in bagno. E licenzia chi non raggiunge determinati parametri numerici

Perché un comico diventa presidente (stavolta non è colpa di Facebook e delle fake news)

Volodymyr Zelensky, il nuovo presidente dell'Ucraina, ha sbaragliato gli avversari senza usare i social (a parte qualche video su Instagram) in una campagna dove miracolosamente sembra scomparsa la disinformazione russa. Ma ha snobbato anche giornali e talk show. Come ha fatto? Forse prima degli strumenti, dovremmo concentrarci sulle cause che portano un paese a votare in massa un incompetente simpatico

Perché uno chef italiano è fra i 100 personaggi più influenti del mondo

Si chiama Massimo Bottura e la sua Osteria Francescana a Modena, è in cima a tutte le classifiche. Ma per la rivista Time è un "pioniere" per aver lanciato, nel 2015, il progetto dei Refettori: spazi in disuso trasformati in mense sociali dove chi è in difficoltà può fare un pasto, cucinato bene, di tre portate con il cibo che mercati e supermercati avrebbero buttato. Dopo Milano, ha aperto a Parigi, Londra e Rio. E' un modello di innovazione reale

Breve elogio di Colossus, il robot pompiere di Notre Dame 

E' stato il primo a entrare nella cattedrale, il primo a sfidare il rogo, quello che spruzzando acqua nella navata centrale ha consentito il successivo intervento dei pompieri. Sottolinearlo non leva nulla all'eroismo quotidiano dei vigili del fuoco, ma ci serve a capire che queste macchine non sono lì per rubarci il lavoro, ma per compiere quelle operazioni per noi troppo pericolose o faticose 

Il social media manager di Notre Dame

Tutti gli account social della cattedrale muti da ieri prima della tragedia. Come congelati. Un silenzio assordante che forse è stata una scelta. Forse davanti ad una emozione così profonda, nessuno doveva disturbare il rumore del silenzio

Il sorprendente successo dei telefonini usati

Si chiamano ricondizionati: sono i modelli dell'anno scorso, sistemati e rimessi sul mercato a prezzi con cui quasi non ci compri neanche la batteria di ricambio dei modelli nuovi. Lo scorso anno ne sono stati venduti 150 milioni di pezzi: uno su 10 degli smartphone acquistati nel Regno Unito, uno su cinque negli Stati Uniti. Numeri che segnalano un cambio di atteggiamento importante 

Basta email e Whatsapp fuori orario di lavoro. Peccato

Il diritto alla disconnessione, sancito in Francia nel 2016, è entrato a vele spiegate in tutti i rinnovi contrattuali. Fa da contraltare al divieto assoluto di usare pc e smartphone aziendali per fini privati. Colpa degli abusi che ci sono stati da entrambe le parti. Ma così perdiamo l'occasione di avere il meglio della vita digitale

Il nostro buco nero quotidiano (e come uscirne)

La foto di Katie Bouman davanti ad un computer portatile, mentre sullo schermo si forma per la prima volta l’immagine del buco nero, e lei ha le mani incrociate davanti alla bocca come per fermare un urlo di gioia, è il manifesto del mondo che vogliamo

La app che avrebbe voluto avere il Grande Fratello 

Si chiama "Studia la Grande Nazione": narra le gesta di Xi Jinping e interroga gli utenti con quiz, premi e punizioni, consentendo di monitorare il grado di fedeltà al regime di chiunque. Secondo alcuni è il primo vero esempio di dittatura digitale. In Cina è la più scaricata: con 100 milioni di utenti in pochi mesi potrebbe presto superare le 900 milioni di copie del Libretto Rosso di Mao

I numeri del divorzio di gran lunga più costoso della storia

A tre mesi dal primo tweet, i Bezos si sono separati (con due tweet distinti e gentili che confermano la tendenza a separarsi dolcemente chiamata "conscious uncoupling"). Amazon resta saldamente nelle mani del fondatore che non perde nemmeno il primo posto nella classifica dei miliardari. Anche se la somma pagata all'ex moglie MacKenzie (35,6 miliardi di dollari) è il triplo di quello che sono costati gli altri 38 divorzi più costosi della storia sommati assieme

Perché mi tengo la vecchia carta di identità

Quella di carta è il documento più falsificato d'Europa. Si deteriora in pochissimo tempo. Non la accettano all'estero. L'alternativa è la carta di identità elettronica (CIE) che è arrivata alla versione 3.0. Ma ottenerla è un infinito percorso a ostacoli. Che il nuovo, bellissimo sito, del Team digitale purtroppo ancora non risolve

Il 14 enne che guadagna 20 mila dollari al mese con Fortnite

Si chiama Griffin Spikoski e nove mesi fa per caso in una battaglia reale ha battuto uno dei giocatori più forti e caricato il video su YouTube: oggi ha più di un milione di iscritti sul suo canale, 70 milioni di visualizzazioni, ha lasciato la scuola ma non gli studi, e i genitori hanno assunto un manager per gestire la sua società. Dicono: se i vostri figli hanno una passione per i videogiochi, trattatela come se fosse uno sport

I robot non sanno ridere

Gli assistenti vocali di Google, Amazon e Apple possono recitare infinite barzellette. Ma non le capiscono. L'intelligenza artificiale infatti non possiede quel senso squisitamente umano che ci fa ridere e sorridere di qualcosa. Nonostante gli sforzi, tutti i tentativi fatti finora di creare macchine pensanti in grado di imitare gli esseri umani si sono fermati lì. E non è detto che sia un male

La meravigliosa lezione del cimitero di Google

Il 2 aprile Mountain View chiude InBox e Google Plus. Non funzionavano. È successo tantissime altre volte. Ma non c'è niente di cui vergognarsi, anzi. I fallimenti sono propedeutici alle grandi innovazioni. Successe anche a Thomas Edison con la lampadina

Gwyneth Paltrow e lo sharenting che è in tutti noi

“Mamma ne avevamo già parlato, non puoi pubblicare mie foto senza il mio consenso”, ha scritto la figlia dell'attrice, Apple, dopo un post su Instagram (150 mila like) con un selfie di loro due su una seggiovia. Un caso emblematico, quanto forse già comune a tanti, di un fenomeno nuovo, sul quale vale la pena riflettere, prima di cliccare la prossima volta su 'pubblica'

La app di Apple per i giornali avvera la profezia di Negroponte

Funzionerà il modello “all you can eat” applicato al giornalismo? Non lo so, ma so che si tratta della conferma definitiva della profezia del massimo guru dell’Era Digitale, che quando la rete era davvero agli inizi, dall’alto del MediaLab del MIT di Boston, già diceva cosa saremmo diventati

Una (piccola) questione di trasparenza

Se il giornalismo è cercare la verità dei fatti, scusarsi quando si sbaglia e si commette un errore significa per noi consolidare la credibilità del nostro lavoro. Come pure ricordare, quando parliamo dell'Eni, che è il nostro editore