L'IMPERO DEL MANDATO CELESTE

di Andrea Marcelloni*

 

L'impero del Mandato Celeste. La Cina nei secoli XIV-XIX
Paolo Santangelo
Laterza, 2014
€ 24,00

 

Roma, 28 feb. - Un paio di giorni fa è arrivato, fresco di stampa, il libro “L'impero del Mandato Celeste”, edito da Laterza. Si tratta dell'ultima fatica di Paolo Santangelo, già autore si numerosi saggi e libri sulla Cina, come “Il pennello di lacca” e “Storia della Cina” – quest'ultimo in collaborazione con Mario Sabattini - su cui ho tanto studiato durante il mio percorso universitario.

 

La storia della Cina imperiale copre un periodo di tempo vastissimo, dal III secolo a.C. sino agli inizi del XIX secolo d.C., e la comprensione della Cina attuale non può prescindere dalla conoscenza del suo passato dinastico, anche perché ha sempre svolto un ruolo importante e centrale.

 

Ma è nel corso degli ultimi 5 secoli che la Cina viene sempre più coinvolta in un sistema complessivo. “Il contadino cinese che pagava le tasse in argento partecipava allo stesso sistema economico del contadino siciliano che consegnava la sua gabella, del capitano portoghese alla guida del suo galeone, dei marinai di Coxinga, o ancora dei coolies imbarcati per le piantagioni della Malesia, dei contabili che lavoravano negli uffici delle Compagnie delle Indie.”

 

E' stato dunque proprio durante questo lasso di tempo, che corrisponde alle ultime due dinastie cinesi -  Ming (1368-1644) e Qing (1644-1911) – che la Cina è entrata a far parte in modo definitivo di un sistema globale, ed il libro di Paolo Santangelo va ad analizzare proprio questo periodo, analizzando e confrontando i vari studi sulla questione.

 

Il tradizionale approccio eurocentrico “che vedeva la rivoluzione industriale come la logica conseguenza di una consolidata superiorità europea di fronte ad un'Asia immutabile, dispotica e sovrappopolata” viene oramai dato per superato: d'altronde “è ormai assodato il ruolo della domanda di argento dell'economia cinese nella realizzazione di un mercato unico fra Europa, America e Asia dal XVII agli inizi del XIX secolo, sulla base del pesos spagnolo, che ha creato la più ampia unità monetaria del mondo precontemporaneo. E sembra che la crisi del trapasso fra la dinastia Ming e la dinastia Qing risenta della crisi mondiale che quasi contemporaneamente travaglia altre parti del mondo, dall'impero spagnolo a quello ottomano.”

 

Il libro è strutturato in 13 capitoli, ognuno dedicato ad uno specifico argomento: struttura dell'impero, sistema monetario ed economico, stratificazione e mobilità sociale, artigianato, contadini, militari, la donna e la famiglia, ideologie e religioni.
Un ottimo strumento per approfondire argomenti importanti e fondamentali per conoscere la Cina di oggi.

 

Vi aspetto in libreria.

 

L'autore

 

Paolo Santangelo, è stato professore ordinario di Storia della Cina presso l'Orientale di Napoli sino al 2007 e di Storia dell'Asia Orientale alla Sapienza di Roma fino al 2012. Attualmente dirige un progetto internazionale sulla rappresentazione delle emozioni e degli stati d'animo attraverso l'esame di documenti della Cina moderna. Dirige inoltre la collana “Emotions and States of Mind in East Asia” per la casa editrice Brill e la collana “Ming Qing Studies”. Ha pubblicato numerosi articoli e libri, tra cui ancora acquistabili: “L'impero cinese agli inizi della storia globale” (opera in 5 volumi acquistabili separatamente, Aracne, 2011), “Canti d'amore a Suzhou nella Cina Ming” (Aracne, 2011), “Dal Zhejiang alla Campania. Alcuni aspetti dell'immigrazione cinese” (con Valeria Varriano Nuova Cultura, 2006), “I desideri nella letteratura cinese (Cafoscarina, 2001), “L'amore in Cina” (Liguori, 1999), “Il sogno in Cina” (Raffaello Cortina, 1998), “Le passioni nella Cina imperiale” (Marsilio, 1997).
 

*Andrea Marcelloni, sinologo, è il proprietario di Orientalia, la libreria di Roma specializzata in orientalistica. Si trova in via Cairoli, 63, nel cuore dell'Esquilino. Ogni settimana Andrea Marcelloni offrirà ai nostri lettori spunti di lettura.

 

28 febbraio 2014


© Riproduzione riservata