IN FILA PER BACIARE CAPOUFFICIO, VIDEO CHOC DIVENTA VIRALE

Roma, 12 set. - In fila dalle 9 alle 9.30 del mattino per baciare in bocca il capo ufficio: e' il singolare rito cui sono costrette, ogni mattina, le impiegate di una azienda cinese del distretto di Tongzhou, a Pechino. Le foto e il video choc del 'saluto' al boss, diffusi sabato dalla televisione pubblica cinese Cctv sul suo blog Sina Weibo, sono diventati virali con oltre 11 milioni di clic in un solo giorno. La compagnia, che costruisce macchine per la produzione artigianale della birra, non si e' scusata. Ha anzi spiegato che il particolare saluto serve a cementare la coesione - "come i pesci con l'acqua" - e a "promuovere la solidarieta'". Il capoufficio, riferiscono i media cinesi, ha aggiunto di aver copiato l'idea da una societa' americana. Quanto alle dipendenti, avrebbero tutte accettato di buon grado il rito, tranne due che hanno preferito dimettersi. Su Weibo, il Twitter cinese, gli utenti si sono indignati. "E un pervertito", si legge in un messaggio. "Ne vale davvero la pena per un po' di soldi?", si domanda un altro. "Sono molestie sessuali istituzionalizzate", ha denunciato la Federazione delle donne cinesi.

 

Non è la prima volta che le umiliazioni subite dai dipendenti di un'azienda cinese diventano virali. Nel giugno scorso un video diffuso dal Quotidiano del Popolo (il maggiore giornale cinese) e poi rimbalzato sulla rete, mostrava otto impiegati di una banca del nord della Cina, la Changzhi Zhangze Rural Commerce Bank, pubblicamente ripresi e sculacciati più volte dal loro capo con un bastone, dopo essere stati accusati di scarso impegno in un corso di formazione. "Preparate i vostri sederi", diceva l'istruttore, tale Jiang Yang, prima di procedere alla punizione corporale, che gli impiegati sopportavano quasi impassibili. Al termine del bastonamento, Jiang rasava i capelli agli impiegati ritenuti indisciplinati e accorciava la chioma delle impiegate. Due dirigenti della banca furono sospesi, mentre Jiang, lo sculacciatore, non subì sanzioni per il suo gesto. L'istruttore si difese dicendo che aveva usato metodi simili "per anni" e che la punizione "non ha nulla a che vedere" con i dirigenti della banca sospesi, senza scusarsi con gli impiegati bastonati sul sedere. Quest'ultima affermazione fece infuriare non pochi che sul web avevano visto le immagini: "Che razza di logica è questa?", scriveva uno di loro. Per gli impiegati sculacciati, invece, fu prevista una sorta di risarcimento per l'umiliazione pubblica.

 

12 OTTOBRE 2016

 

@Riproduzione riservata