IL CINESE "12 CITIZENS" AL FESTIVAL DIROMA

Traduzione dal cinese a cura di Giovanna Tescione

 

Roma, 17 ott. – Dalla Cina al Festival Internazionale delcinema di  Roma, il giovane regista cinese Ang Xu partecipa alla nonaedizione del Festival, al via ufficialmente giovedì 16 e fino al 25 ottobre, conuna  pellicola ispirata al grande cinema hollywoodiano. "Shier gongmin",in  inglese "12 citizens", unico film cinese in concorso,partecipa nella  sezione Cinema d'oggi e sarà presentato domenica 19ottobre. Nel cast anche Bing He, attore teatrale vincitore di numerosi premi.

 

Il film porta sul grande schermo metodo della giuriapopolare caratteristico del sistema giuridico anglo-americano e francese e sullegame con la società  contemporanea cinese, "12 citizens" è unoriginale rifacimento del classico di Sidney Lumet, "La parola aigiurati", considerato il più  geniale "legal film" e successivamenteadattato da registi di Russia, Giappone, Spagna, Francia e altri sia per ilgrande schermo che per il  teatro.

 

Un caso di parricidio da parte di un giovane che,adottato da una  famiglia molto in vista, uccide il suo padre biologico,sconvolge  l'opinione pubblica cinese innescando accesi dibattiti enumerose  perplessità. Degli studenti della facoltà di giurisprudenza inuna  lezione di Diritto anglo-americano decidono di organizzare una simulazione del processo all'americana per discutere del caso in modo  deltutto inusuale. Dodici cittadini cinesi di diversa estrazione  socialevengono quindi scelti per far parte della giuria e per decidere  sulla"vita o la morte" dell'imputato. Nella pellicola il giovane AngXu  riesce abilmente a inserire il sistema della giuria popolarenella  storia della giurisprudenza cinese, lasciando spazio al dialogo trai  due sistemi giuridici, quello cinese e quello occidentale.

 

Al suo debutto cinematografico, il giovane Ang Xu,proveniente dalle  fila del Beijing People's Art Theatre, non è in realtànuovo alle vesti  da regista. Sua la regia dello spettacolo teatrale"The Sorrow of  Comedy" campione di incassi nella storia delteatro cinese. Ma questa  volta Ang Xu, lontano dal palcoscenico teatrale,invita 12 personaggi  della Cina contemporanea per formare una specialesquadra di "giurati in  stile cinese". Tra questi He Bing chenelle vesti dell'ottavo giurato  personificazione di Song Ci, primogiudice della storia cinese risalente  alla dinastia Song e considerato ilpadre fondatore della Scienza  forense cinese, ha ottenuto un grandesuccesso guadagnandosi il favore  del pubblico cinese. Specchio dellasocietà contemporanea cinese, i 12  membri della giuria di "12citizens" esploreranno i molteplici  pregiudizi e contradditori puntidi vista della società attraverso lo  studio del caso e accesediscussioni. Riusciranno i giurati ad arrivare  ad un verdetto giusto e atrovare un accordo?

 

Il film sarà presentato domenica 19 ottobre alle 21.30nell'Auditorium

- Sala Sinopoli - riproponendo al pubblico una storiaclassica e  argomentazioni processuali, dando la risposta cinese alpubblico romano. Bisognerà aspettare la prima mondiale del film pervedere se la  pellicola riuscirà a conquistare l'interesse del pubblicoitaliano e se  il giovane regista sarà all'altezza del prestigioso premiocome miglior  nuovo regista per questo suo primo lavoro.

 

17 ottobre 2014

 

Riproduzione riservata